Repubblica dominicana, ambasciatore Canepari: raggiunti obiettivi ambiziosi

·3 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 27 set. (askanews) - "In questo momento in cui mi appresto a salutare la Repubblica Dominicana e tutti i connazionali ivi residenti, mi rendo conto come gli obiettivi siano stati davvero ambiziosi". E' quanto spiegato dall'ambasciatore italiano nella Repubblica dominicana, Andrea Canepari, in un'intervista a Italia chiama Italia. Canepari ha concluso la sua missione nel Paese lo scorso 20 settembre. "Mi sono impegnato, con il convinto sostegno in ogni momento del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale italiana, per raggiungere in maniera prioritaria quattro obiettivi", ha sottolineato. "Fornire servizi consolari efficienti in un Paese in cui i connazionali si lamentavano per non riuscire neppure a ottenere un passaporto in tempi accettabili"; "valorizzare il grande apporto della comunità italiana e della storia condivisa con la Repubblicaa dominicana"; "rilanciare le relazioni politiche, economiche e culturali a livello della collettività e della sua importanza sostenendo le istituzioni in loco, come la Camera di Commercio"; creare strutture efficienti per ricevere i connazionali e valorizzare il nostro patrimonio immobiliare con un processo di costruzione di una nuova Ambasciata e di nuovi uffici sui terreni della storica donazione di Angiolino Vicini".

"Il primo obiettivo è stato raggiunto e velocemente, nonostante tanti fossero scettici all'inizio. Quei passaporti che sembravano impossibili da ricevere ora si ottengono con una breve attesa (massimo due settimane) in maniera ordinata e tranquilla", ha spiegato il diplomatico. "Nei tempi della pandemia l'Ambasciata ha fatto uno sforzo per quanto riguarda il settore dell'assistenza come pure nel settore dello stato civile utilizzando soluzioni innovative per rendere i servizi sempre attivi e assicurare la vicinanza alla collettività. La nostra è una delle pochissime Ambasciate che non ha mai chiuso in Repubblica dominicana", ha aggiunto Canepari.

Anche "nel settore dello stato civile l'arretrato è stato eliminato", inoltre "sono state avviate tutte le procedure per completare anche l'ultimo tassello finora mancante nella sezione consolare, la concessione dei visti", ha insistito l'ambasciatore. "Il Ministero degli affari esteri è convinto che con questo si renderà un servizio importante ai connazionali e ai dominicani che vogliono rapporti più forti con l'Italia", ha sottolineato.

Riguardo alla valorizzazione del contributo italiano all'identità della Repubblica Dominicana, Canepari ha invece ricordato "il successo di tre anni culturali dedicati rispettivamente ai 120 delle relazioni diplomatiche, ai 500 anni dall'arrivo del primo vescovo residente, Alessandro Geraldini, ed infine ai 200 anni dalla nascita del primo ammiraglio fondatore della marina di guerra, il mercante genovese e poi console di Italia, Giovanni Battista Cambiaso".

Secondo dichiarazioni pubbliche dell'allora ministro degli Esteri Vargas, ha precisato ancora Canepari, "le relazioni diplomatiche nel 2019 erano al punto più alto della storia secolare tra i due Paesi". "Secondo l'attuale ministro, Roberto Alvarez, c'è un impegno del governo Abinader per rafforzare ancora di più il rapporto con l'Italia".

"Anche l'ultimo obiettivo è stato raggiunto", ha poi spiegato l'ambasciatore: "grazie al convinto sostegno del MAECI da subito sono state avviate le procedure per individuare una sede temporanea efficace, decorosa e sicura dove erogare i servizi consolari e effettuare il lavoro diplomatico", ha detto. "Inoltre il MAECI ha sostenuto l'idea di costruire una nuova Ambasciata e nuovi uffici sul terreno, storico, della Rafael Augusto Sanchez da dedicare a Angiolino Vicini. Sono orgoglioso di aver presentato il progetto, ora in via di affinamento e di ultime approvazioni, per questa nuova casa d'Italia a Santo Domingo. Tutti gli italiani troveranno qui una nuova casa e la costruzione coinvolgerà architetti e ingegneri dei due Paesi; sarà un laboratorio per l'elaborazione di nuove tecnologie da impiegare nel settore delle costruzioni, coinvolgendo università dei due Paesi", ha sottolineato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli