"Resistenza agli antibiotici, Italia in fascia peggiore"

webinfo@adnkronos.com
·3 minuto per la lettura

"L'antibiotico resistenza è una grande emergenza globale, soprattutto oggi che siamo alle prese con una pandemia. L'Italia è nella fascia peggiore in termini in resistenza agli antibiotici, sia a livello ospedaliero che nelle terapie intensive dove i livelli di utilizzo sono medio alti. L'uso degli antibiotici va rivisto perché per avere un impatto sul fenomeno servono drastiche riduzioni dell'uso dell'ordine del 50% e non del 3-4%". Lo ha sottolineato Nicola Magrini, direttore generale dell'Aifa, nell'introduzione alla presentazione online del rapporto 'OsMed-L'’uso degli antibiotici in Italia 2019' curato dall'Agenzia italiana del farmaco. "Pensiamo ad un gruppo 'ad hoc' all'interno dell'Unità di crisi di Aifa per valutare nuove misure su questo fenomeno", ha aggiunto Magrini.

Secondo quanto emerge dal rapporto, l’impiego "inappropriato di antibiotici supera il 25% in tutte le condizioni cliniche studiate (influenza, raffreddore comune, laringotracheite, faringite e tonsillite, cistite non complicata e bronchite acuta) a eccezione della bronchite acuta". "Nel 2019 in Italia il consumo degli antibiotici è rimasto invariato rispetto al 2018 - precisa il report - ma ancora superiore alla media europea".

In aumento antibiotico-resistenza: 11mila morti in Italia

"Tutti gli usi inappropriati degli antibiotici per le infezioni delle vie respiratorie sono stati registrati in maggioranza al Sud, nella popolazione femminile (a eccezione della bronchite acuta) e negli individui di età avanzata", precisa il report. Complessivamente nel 2019 il consumo totale di antibiotici (comprensivo dell’acquisto privato) è stato di 21,4 dosi ogni mille abitanti: 73% erogati dalle farmacie a carico del Ssn; 8,9% da strutture sanitarie pubbliche e il 18% acquistate privatamente. Il consumo territoriale, comprendente "sia l’erogazione a carico del Servizio sanitario nazionale (Ssn) che gli acquisti a carico del cittadino, nel 2019 si è mantenuto superiore rispetto alla media europea - avvertono gli esperti - Il consumo ospedaliero è sostanzialmente allineato a quello della media europea, sebbene con alcune differenze nella tipologia di antibiotici somministrati".

"È generalmente inappropriato l’uso dell'amoxicillina e dell'acido clavulanico nei bambini (al posto della sola amoxicillina); qualunque antibiotico a seguito di una diagnosi di influenza, raffreddore comune o laringotracheite acuta - ricorda il report - l’impiego di fluorochinoloni e cefalosporine in presenza di una diagnosi di faringite e tonsillite acuta; l’impiego di macrolidi come prima linea di trattamento della faringite e tonsillite acuta (a causa dell’elevato rischio di sviluppare resistenze); nella cistite non complicata l’uso in prima linea di qualsiasi antibiotico appartenente alla classe di fluorochinoloni".

"Le attitudini prescrittive dei medici e le differenze socio-demografiche e culturali dei diversi contesti geografici incidono in maniera significativa sui consumi, rivelando margini di miglioramento nell’uso appropriato di questi farmaci - precisa il report - L’uso inappropriato degli antibiotici concorre ad aggravare il problema della resistenza batterica agli antibiotici, rendendo sempre meno efficaci farmaci che in molte situazioni rappresentano dei veri e propri salvavita".

"L’utilizzo più frequente di antibiotici nei mesi invernali è correlato con i picchi di sindromi influenzali osservati nei diversi anni", osservano gli esperti. Poiché le sindromi influenzali "non richiedono nella maggior parte dei casi l’impiego di antibiotici per la loro origine di natura virale (salvo casi clinici particolari e eventuali complicanze batteriche), l’aumento così significativo delle prescrizioni di antibiotici in coincidenza con i picchi influenzali è spia di inappropriatezza nei consumi", rivela il report.

E ancora: la pandemia da Sars-CoV-2 ha portato, soprattutto a marzo, ad una corsa all’acquisto di antibiotici da parte degli italiani. "L’incremento degli acquisti registra un picco nel mese di marzo 2020, con un valore raddoppiato rispetto al 2019. I macrolidi (usati per le malattie infettive) mostrano un incremento del 77% rispetto al 2019, con l’azitromicina che fa registrare un aumento del 160%", evidenzia il rapporto.

“Il consumo di antibiotici registrato nel primo semestre 2020 nell’ambito dell’assistenza convenzionata è stato pari a 13,2 dosi giornaliere ogni 1000 abitanti, in riduzione del 26,3% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente - osserva il documento - Per quanto riguarda gli acquisti diretti si rileva una lieve riduzione pari all’1,3%, con ampie differenze a livello regionale”.