Respinti in Dogana cascami di ferro radioattivi dalla Svizzera

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 3 lug. (askanews) - Nelle scorse ore presso la Sezione Operativa Territoriale di Ponte Chiasso dell'Agenzia delle dogane, a seguito di un controllo relativo a un carico di cascami di ferro provenienti dalla Svizzera in attesa di essere dichiarati all'importazione, sono emersi anomali livelli di radioattività. Ciò che ha indotto ad attivare il protocollo di sicurezza per i casi di specie, isolando il carico in un'area ben delimitata e interdetta al personale non qualificato, e allertando tutte le autorità competenti in materia di sicurezza e tutela ambientale e della popolazione (Dipartimento Territoriale dell'Agenzia Regionale per l'Ambiente - A.R.P.A. e, a seguire, l'Ufficio Territoriale del Governo, Prefettura di Como).

Il Prefetto di Como, su conforme parere dell'A.R.P.A., ai sensi e per gli effetti dell'art. 187, comma 3 del D.Lgs. 31/07/2020 n. 101 ha quindi disposto il respingimento del carico al soggetto responsabile dell'invio in Italia, con oneri a suo carico. Il citato Decreto Legislativo, come noto, attua la direttiva 2013/59/Euratom, la quale stabilisce norme fondamentali di sicurezza relative alla protezione contro i pericoli derivanti dall'esposizione alle radiazioni ionizzanti.

La Sot di Ponte Chiasso nelle prossime ore darà esecuzione all'ordinanza prefettizia, invitando il soggetto obbligato svizzero a rimuovere senza indugi e con tutti gli accorgimenti del caso la fonte di rischio dagli spazi doganali italiani, preavvertendo delle operazioni l'omologa autorità doganale svizzera, allo scopo di far movimentare il carico il più velocemente possibile anche dai contigui spazi doganali elvetici.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli