Respinto il ricorso, Navalny resta in carcere a Mosca

·1 minuto per la lettura

AGI - È stato respinto da un tribunale di Mosca l'appello di Aleksei Navalny contro il suo arresto, lo scorso 17 gennaio al ritorno in patria da Berlino. Il giudice ha ordinato che l'oppositore rimanga in custodia. Lo riferiscono i media russi e lo staff di Navalny sui social.

Navalny era stato condannato a 30 giorni di custodia, lo scorso 18 gennaio, per presunta violazione dei termini della liberta' condizionale; accuse che l'oppositore ha sempre respinto. L'Occidente ha chiesto il rilascio di Navalny e i suoi sostenitori hanno convocato nuove manifestazione a livello nazionale per domenica.  "Rimane in carcere con uno status non chiaro, non previsto dal codice penale", ha denunciato il braccio destro dell'attivista, Leonid Volkov.

 "Scendete ancora in piazza e non abbiate paura di niente". Dal carcere di Mosca, Navalny ha scritto una lettera diffusa dai suoi collaboratori in vista delle manifestazioni convocate per domenica. "Nessuno vuole vivere in un Paese, dove regnano corruzione e tirannia. La maggioranza è dalla nostra parte. Svegliamola".