Revisori legali, categoria nel portale del reclutamento Pa

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 17 set. (Labitalia) – Entro pochi giorni oltre 62mila revisori legali, non appartenenti al sistema ordinistico, potranno inserire il loro profilo professionale nel portale del reclutamento della pubblica amministrazione: un’opportunità che è il frutto di un incontro tenutosi tra il presidente dell’Inrl-Istituto nazionale revisori legali, Ciro Monetta ed il capo del dipartimento del ministero della Funzione Pubblica, Marcello Fiori, nel corso del quale è stata espressa la piena e reciproca disponibilità per una collaborazione che consentirà in tempi molto brevi l’inserimento nel portale di migliaia di revisori legali non ordinistici, rappresentati dall’Istituto, al pari di altri professionisti ordinistici già inseriti.

Grazie a questa collaborazione sul portale del reclutamento, che attualmente registra oltre 65.000 iscrizioni, sarà dunque possibile contattare tutti quei revisori interessati ad operare negli enti locali, con prestazioni professionali in linea con le necessità della Pa.

“Ringrazio il dicastero presieduto dal ministro Renato Brunetta – ha commentato il presidente dell’Inrl, Ciro Monetta – per aver tempestivamente accolto le nostre istanze che avevamo inviato con una lettera nella quale richiedevamo un legittimo riconoscimento dei professionisti contabili non iscritti agli ordini, i quali a pieno titolo possono essere inseriti nel portale del reclutamento". Come ha avuto modo di ribadire il capo del dipartimento del ministero della Funzione Pubblica, il portale vuole essere uno strumento attraverso il quale la pubblica amministrazione può avvalersi di professionisti accreditati e competenti.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli