Revocata custodia del figlio ad una mamma non vaccinata

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Negli Stati Uniti un giudice ha revocato la custodia del figlio ad una mamma non vaccinata contro il Covid. La donna può solo sentirlo al telefono. Una decisione molto drastica, presa da un giudice dello stato dell’Illinois.

Giudice revoca la custodia del figlio a mamma non vaccinata

Un giudice statunitense ha tolto la custodia del figlio ad una giovane madre, perché ha scoperto che non si era ancora vaccinata contro il Coronavirus. Si tratta della prima sentenza del genere al mondo, davvero molto drastica e inaspettata. Una decisione che vede come protagonista un giudice della contea di Cook, nell’area nord-orientale dello Stato dell’Illinois, che doveva stabilire se rinnovare o modificare i termini di un accordo di divorzio tra la signora in questione e il suo ex marito. Si trattava di un’udienza che doveva essere concentrata solo sulle spese e sul mantenimento dei figli. Il giudice James Shapiro, però, ha negativamente stupito tutti, trasformando questa udienza in qualcosa di diverso, tanto da decidere di revocare alla donna la custodia del figlio.

Giudice revoca la custodia del figlio a mamma non vaccinata: affidato al padre

Il giudice ha chiesto alla donna se era vaccinata contro il Covid e quando ha scoperto che non lo era, il giudice ha deciso di revocare la custodia condivisa e affidare il figlio solo al padre, che invece si è vaccinato. “Una delle prime cose che mi ha chiesto è stata se fossi vaccinata o meno il che mi ha spiazzato. Ero confusa perché l’udienza avrebbe dovuto riguardare solo le spese e il mantenimento dei figli” ha raccontato la donna, Rebecca Firlit, al Chicago Sun-Times. “Gli ho chiesto cosa avesse a che fare con l’udienza ma lui mi ha risposto: ‘Io sono il giudice e prendo le decisioni per il tuo caso’” ha spiegato la donna.

Giudice revoca la custodia del figlio a mamma non vaccinata: può sentirlo solo al telefono

Ho avuto reazioni avverse ai vaccini in passato e il mio medico mi ha consigliato di non vaccinarmi. Rappresenta un rischio” ha spiegato la donna, che ora farà ricorso contro la decisione del giudice, giudicata assurda e priva di senso, visto che neanche i legali dell’ex marito avevano parlato del vaccino. La donna ha spiegato di essere stata colta alla sprovvista e di essere rimasta scioccata dalla sentenza che ora la costringe a parlare con suo figlio solo al telefono. “Parlo con lui ogni giorno. Piange e gli manco” ha raccontato la donna che ora spera che una corte d’appello possa ribaltare la sentenza. Se non dovesse riuscire ad avere giustizia, l’unico modo per rivedere suo figlio di 11 anni sarà quello di sottoporsi al vaccino.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli