Riaperture graduali, Draghi revoca il coprifuoco dal 21 giugno

·1 minuto per la lettura
featured 1337786
featured 1337786

Roma, 18 mag. (askanews) – Il governo Draghi sceglie di riaprire l’Italia in maniera graduale. Dal 19 maggio in “zona gialla” il coprifuoco slitta di un’ora, alle 23, e dal 7 giugno alle 24, mentre bisognerà attendere il 21 giugno perché venga abolito totalmente.

Lo ha deciso il consiglio dei ministri del 17 maggio 2021 tramite il nuovo decreto legge sulle misure legate all’emergenza sanitaria.

Dal primo giugno si potrà consumare in bar e ristoranti anche all’interno dei locali, dal 22 maggio riaprono i centri commerciali nei weekend, mentre le palestre, la cui riapertura era prevista per il primo giugno potranno riaprire già dal 24 maggio. Sì inoltre alla presenza del pubblico al 25% agli eventi sportivi (limite di 1.000 persone all’aperto e 500 al chiuso); riaprono gli impianti di risalita in montagna (22 maggio).

Per quanto riguarda i matrimoni i ricevimenti saranno possibili dal 15 giugno, ma solo presentando un “certificato verde”, che dimostri di essere stati vaccinati, di essere guariti dal Covid o di essere risultati negativi a un tampone eseguito entro le precedenti 48 ore.

Gli italiani dovranno aspettare invece il primo luglio per tornare nelle piscine al chiuso, nei centri benessere, centri culturali, sociali e ricreativi, casinò e sale bingo, già dal 15 giugno riaprono al pubblico i parchi tematici e di divertimento. Sospese invece le attività in sale da ballo e discoteche, all’aperto o al chiuso.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli