I ribelli Huthi dello Yemen mincciano "attacchi in alcuni Paesi aggressori"

·1 minuto per la lettura

AGI - I ribelli Huthi, che combattono una coalizione lealista a guida saudita in Yemen, hanno annunciato "attacchi inattesi in alcuni Paesi aggressori" in seguito alle sanzioni annunciate dagli Stati Uniti contro due capi delle milizie filoiraniane.

"Le sanzioni non spaventano i mujaheddin", ha scritto su Twitter il presidente del Consiglio Rivoluzionario Supremo dei ribelli, Mohammed Ali al-Houthi, "se il blocco e l'aggressione continueranno, forse ci saranno attacchi su siti inattesi in alcuni Paesi aggressori". 

Dopo che Washington aveva rimosso gli Huthi dalla lista delle organizzazioni terroriste e revocato il sostegno alle operazioni militari della coalizione lealista, i ribelli hanno moltiplicato gli attacchi con missili e droni a obiettivi sul territorio saudita, in particolare contro aeroporti e infrastrutture petrolifere. 

L'inviato speciale degli Usa per lo Yemen, Martin Griffiths, ha chiesto agli Huthi di fermare la loro offensiva contro Marib, ultima roccaforte lealista nel Nord Ovest del Paese, e ha dichiarato che un accordo per il cessate il fuoco "è ancora decisamente possibile". 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli