Riccardo Scamarcio: "Salvini non è razzista. Questo governo ingloba il pensiero nazionalista, nel senso più nobile nel termine"

Huffington Post

"Non sono assolutamente d'accordo con chi semplifica dicendo che Salvini sia razzista". Riccardo Scamarcio, ospite a Un Giorno da Pecora ha espresso il suo giudizio sull'operato del nuovo governo M5S-Lega. L'attore ha ammesso di aver votato per uno dei due partiti, senza voler specificare quale, ma alla domanda "Meglio la Flat Tax o il reddito di cittadinanza?", ha espresso la sua preferenza per la prima.

"L'Aquarius? Non è che non l'abbiamo accolta, sono stati protetti e garantiti. Abbiamo sollevato un problema anche verso altri stati europei", dice a proposito del caso della nave dei migranti, "Chiusura dei porti è una semplificazione, non diciamo cose che non sono corrette. C'è stata una presa di posizione dell'Italia che ha prodotto due incontri bilaterali con Francia e Germania. Non sono d'accordo sul fatto che Malta, primo porto che avrebbe dovuto accogliere quella nave, poi non l'abbia accolta".

Scamarcio ha un suo pensiero anche su quelli che definisce "pensatori di sinistra": "Si fanno abbindolare dalla stampa mainstream. A loro dico che all'interno di questo governo ci sono persone che hanno sempre votato a sinistra, che sono degli intellettuali, e che si sono candidati con Lega e M5S. Questo non è un governo di destra. È un governo che ingloba anche una larga parte di pensiero nazionalista nel senso più nobile nel termine".


Continua a leggere su HuffPost