Ricciardi: "Possiamo pensare di superare l'inverno in maniera adeguata"

·1 minuto per la lettura
ricciardi quarta ondata
ricciardi quarta ondata

Il consigliere del ministro della Salute Walter Ricciardi ha affermato che la quarta ondata è già in corso ma, grazie alle vaccinazioni, è possibile ridurla ad “ondina“. Si è poi espresso sull’ipotesi di lockdown per i non vaccinati e su cosa aspettarsi dal futuro a livello pandemico.

Ricciardi sulla quarta ondata

Intervistato da SkyTG24, l’esperto ha evidenziato che dipende dai singoli cittadini far sì che l’ondata in corso non diventi impetuosa come in altri paesi. “Se continueremo a usare protezioni, faremo le terze dosi e gestiremo bene il testing e il tracciamento nelle scuole in maniera adeguata, resterà un’ondata piccola e non travolgente“, ha spiegato.

Tra i motivi legati all’aumento dei contagi, Ricciardi ne ha citati tre. L’arrivo dell’inverno e i conseguenti assembramenti in ambienti chiusi, la mancata copertura vaccinale di percentuali importanti della popolazione in alcuni paesi come Romania o Bulgaria e la parziale attenuazione della protezione vaccinale in chi si è vaccinato da più di sei mesi.

Ricciardi sulla quarta ondata e il lockdown per non vaccinati

Nel prossimo futuro, ha sottolineato, esiste la possibilità che i contagi aumentino nuovamente tra gennaio e febbraio perché quella da Covid si è mostrata esser un’epidemia con cicli molto prevedibili. Se però continueremo così e accelereremo sulla terza dose, si potrà pensare di superare l’inverno in maniera adeguata.

Quanto infine al lockdown per i non vaccinati sul modello austriaco, Ricciardi ha evidenziato che “adesso noi non ne abbiamo bisogno perché le misure prese servono a tenere sotto controllo, come sta succedendo, l’epidemia“. Ma col passare del tempo, ha concluso, si dovrà pensare alla correzione del green pass data la poca sicurezza a suo dire offerta dal tampone.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli