Ricciardi torna ad invocare chiusure generalizzate in alcune città

·1 minuto per la lettura
coronavirus lockdown Milano e Napoli
coronavirus lockdown Milano e Napoli

Il consigliere del Ministro della Salute Walter Ricciardi ha messo in evidenza la necessità di istituire un lockdown a Milano e Napoli, città in cui il coronavirus circola moltissimo e si corre dunque il rischio di prenderlo “entrando al bar, al ristorante o prendendo l’autobus”.

Ricciardi su lockdown a Milano e Napoli

Essendo aree in cui entrare a contatto con un caso positivo è assai facile, Ricciardi ha invocato chiusure generalizzate per ridurre il proliferare dell’infezione. Essendo la trasmissione esponenziale, ha spiegato che le ultime restrizioni adottate come il coprifuoco, la chiusura di bar e ristoranti alle 18 e la serrata di cinema, palestre e teatri, non bastano a fermare il contagio.

A Milano e Napoli è impensabile qualsiasi attività che prevede l’avvicinarsi di persone negli spazi chiusi“, ha ribadito. In più siamo di fronte alla presenza di migliaia di soggetti asintomatici che tornano a casa, dove non si indossa la mascherina, e trasmettono l’infezione ai familiari che a loro volta possono contagiare altri soggetti.

Le suddette norme, ha continuato Ricciardi, possono invece essere efficaci in altre zone del paese dove la situazione è ancora sotto controllo e non è necessario istituire un secondo lockdown. Infine ha messo in guardia le istituzioni sulla politicizzazione del virus citando l’esempio degli Stati Uniti. “Tutti i Paesi che hanno politicizzato la pandemia hanno fatto una brutta fine, come gli USA dove hanno avuto più morti che nelle recenti guerre“, ha affermato. Ha quindi invocato all’unità parlando della politicizzazione come della cosa più pericolosa che ci sia.