Ricerca, Leodori: il Lazio è leader per l'innovazione europea

Bet

Roma, 30 set. (askanews) - "Con il sostegno al progetto del Distretto tecnologico beni e attività culturali, e gli investimenti concreti nel settore della ricerca, il Lazio si conferma sempre di più una grande regione europea dell'innovazione". Lo ha detto il vice presidente della Regione Lazio, Daniele Leodori, nel corso dell'intervento al Convegno 'Un anno di Dtc Lazio - 1 Convegno annuale del Distretto tecnologico beni e attività culturali della Regione Lazio' che si è tenuto questa mattina nell'Aula Magna del Rettorato dell'università La Sapienza di Roma. "Il Lazio - ha proseguito Leodori - è caratterizzato da un mix unico a livello internazionale, costituito da un sistema imprenditoriale dinamico, da un'alta concentrazione di laboratori e competenze di ricerca sulle tecnologie per i beni culturali e da uno straordinario patrimonio culturale. Con il progetto Dtc vogliamo promuovere un'azione sinergica e consentire alle diverse discipline, apparentemente distanti tra loro, di parlare un linguaggio comune. Il Dtc - ha spiegato il vice presidente - rientra in un sistema produttivo culturale e creativo che ha generato nel Lazio nel 2018 circa 15 miliardi di euro, il 16% di quanto prodotto a livello nazionale e il 9% di tutta l'economia laziale, con un incremento del 2% rispetto al 2017. Sul distretto la Regione Lazio ha stanziato complessivamente 41,7 milioni di euro. In questa prima fase l'investimento effettuato è stato pari a 1,5 milioni di euro. Stiamo per pubblicare - ha concluso Leodori - un nuovo avviso pubblico con cui daremo avvio alla fase 2 dell'intervento, con cui prevediamo 4,5 milioni di euro, uno stanziamento tre volte superiore a quello iniziale".