Ricerca: Miur, 6 mila persone coinvolte in 'Horizon 2020 Italia'

(ASCA) - Roma, 18 dic - Circa 6.000 cittadini coinvolti, con una partecipazione maggiore rispetto all'analoga consultazione condotta a livello europeo, e grande consenso sulla necessita' di un Programma Quadro nazionale per ricerca e innovazione. Sono i risultati della consultazione pubblica su ''Horizon 2020 Italia'' presentati stamattina al Miur dal Ministro Francesco Profumo. In 35 giorni oltre 2.500 cittadini hanno completato il questionario e 3.500 hanno contribuito all'Ideario con oltre 7.500 voti, 500 commenti e 133 idee. In un'analoga consultazione, la Commissione Europea aveva registrato 1.300 questionari completi. La fascia di eta' maggiormente rappresentata tra i partecipanti al questionario e' tra i 36 e 50 anni (43%), con una netta prevalenza maschile. L'85% dei partecipanti svolge attivita' di ricerca, in Universita' (74%) o in enti pubblici di ricerca (19%). Di essi il 52% afferisce al gruppo disciplinare Scienze Fisiche e Ingegneristiche. Quasi 200 sono state le istituzioni che hanno risposto al questionario, equamente ripartite tra settore privato e pubblico. Il consenso maggiore si registra rispetto all'esigenza di un Programma quadro nazionale per ricerca e innovazione di durata simile a quello Europeo (94% dei partecipanti vedrebbe un impatto positivo o molto positivo di tale programma), confermando l'esigenza di adottare anche in Italia una visione di ricerca in linea con le politiche dell'Unione Europea. Tale esigenza si unisce alla necessita', emersa dall'Ideario, di sviluppare una visione della ricerca che contribuisca al superamento dell'accentuata settorializzazione disciplinare del sistema italiano, verso una maggior cooperazione, condivisione e interdisciplinarieta' che ne rafforzi la competitivita' sullo scenario internazionale. E' emersa, spiega il Miur, la necessita' di rafforzare gli strumenti della ricerca, intesi sia in termini di creazione, valorizzazione e condivisione di infrastrutture di ricerca sia come strumentazioni e attrezzature di base e, infine, come meccanismi e piattaforme per la comunicazione e condivisione della ricerca e dei suoi risultati; L'importanza di valorizzare il ruolo del ricercatore, sostanziare la sua responsabilita' sociale, e migliorare soprattutto la comunicazione delle ricadute sociali della ricerca; l'esigenza di premiare la qualita' piu' che la quantita' della ricerca, sia per la valutazione che per il reclutamento, e de-burocratizzare il sistema. Semplificazione del sistema della ricerca per favorire la partecipazione delle Pmi. Sulla base di questi risultati, conclude il Miur, nelle prossime settimane, sara' redatto il Documento di visione del Programma Quadro per la ricerca e l'innovazione del sistema Italia ''Horizon2020 Italia'' (HIT2020). com-dab/

Ricerca

Le notizie del giorno