Ricerca, nei neonati prematuri utile stimolare emisfero destro

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 19 mar. (askanews) - Nel cervello, le asimmetrie sono la regola più che l'eccezione. Nonostante questo, il processo di specializzazione in un emisfero cerebrale (la cosiddetta "lateralizzazione") è ancora poco compreso. Le asimmetrie anatomo-strutturali spiegano solo una piccola parte della variabilità funzionale della lateralizzazione, da cui sembrano differenziarsi per epoca e caratteristiche di sviluppo. Lo studio "Structural and functional brain asymmetries in the early phases of life: a scoping review" pubblicato sulla prestigiosa rivista "Brain Structure and function" e condotto dalla prof.ssa Patrizia Bisiacchi e dalla dr.ssa Elisa Cainelli del Dipartimento di Psicologia Generale dell'Università di Padova, mette in evidenza come nei neonati sia l'emisfero destro quello maggiormente deputato alle attività cognitive.

"Nel nostro lavoro abbiamo dimostrato come i bambini nati prematuri, che possono presentare un rischio maggiore di sviluppare difficoltà di apprendimento, possono trarre benefici stimolando le attività cognitive dell'emisfero destro che li aiutino fin nei primi mesi di vita a riconoscere stimoli acustici e visivi - dice la prof.ssa Bisiacchi -. In questo lavoro abbiamo eseguito una rassegna di tutti gli articoli scientifici sullo sviluppo delle asimmetrie funzionali (l'attività del cervello, a riposo o sotto stimolazione) e strutturali (l'anatomia) nel cervello. Abbiamo quindi selezionato tutte le ricerche nei neonati a termine, prematuri e feti. Abbiamo trovato 57 studi, molto differenti fra di loro per tecniche e metodologie di indagine utilizzate. La maggior parte degli studi strutturali si sono concentrati sul lobo temporale, sede delle aree del linguaggio, la cui lateralizzazione nell'emisfero sinistro nel 90% delle persone è ormai un dato consolidato, evidenziando un'area generalmente più prominente a sinistra che a destra ed un'asimmetria morfologica già presente dalla ventinovesima settimana di gestazione".

Capire come si sviluppano le asimmetrie emisferiche può aiutare a gettare luce sull'ancora poco compreso processo di lateralizzazione, ma anche sulla natura e il ruolo delle alterazioni di lateralizzazione in molti disordini neuroevolutivi. Questi risultati - conclude Unipd - suggeriscono che un intervento abilitativo in bambini a rischio dovrebbe utilizzare come punto di forza il coinvolgimento delle abilità sostenute funzionalmente dall'emisfero destro e maggiormente legate alle caratteristiche sensoriali degli stimoli utilizzati.

(segue)