Ricerca, studenti e biotecnologie: torna Amgen Biotech Experience -2-

Cro-Mpd

Roma, 24 set. (askanews) - "Fondazione Amgen vuole ispirare gli scienziati di domani; questa visione affonda le radici nella storia stessa di Amgen che, nata quasi 40 anni fa in California, è stata sostenuta nel suo sviluppo oltre che da scoperte scientifiche straordinarie, anche da un ecosistema che ha creduto nell'innovazione - sostiene Maria Luce Vegna, Direttore Medico di Amgen in Italia - Ecco perché in partnership con le istituzioni locali vogliamo continuare a contribuire, anche attraverso programmi come Amgen Biotech Experience, ad alimentare la diffusione di una cultura orientata al futuro; nell'interesse dei giovani e del progresso scientifico".

Partito nel 2017, Amgen Biotech Experience oggi ha raggiunto ben 8 Regioni italiane: Emilia- Romagna, Marche, Abruzzo, Umbria, Lazio, Campania, Basilicata e Puglia. Il programma ha visto l'adesione di ben 65 scuole e il coinvolgimento di 114 insegnanti e circa 2500 studenti.

Capofila sul territorio nazionale è la Campania che, grazie alla partecipazione di 21 scuole, 35 insegnanti e oltre 800 studenti, vanta il maggior numero di istituti coinvolti, anche grazie alla stretta collaborazione avviata dall'Associazione Nazionale Insegnanti di Scienze Naturali (ANISN) con il Dipartimento di Biologia dell'Università degli Studi di Napoli "Federico II".

"Siamo entusiasti di questa nuova edizione di Amgen Biotech Experience - afferma Anna Pascucci, Presidente ANISN e Direttore dell'ABE Site Italy - un programma pionieristico e lungimirante che permette una esperienza autentica del processo scientifico inserita nei programmi didattici delle scuole coinvolte. La coniugazione degli approcci metodologici innovativi dell'IBSE con la sperimentazione in laboratorio rappresentano una vera rivoluzione nell'insegnamento e nello studio delle Scienze a scuola in quanto rendono l'apprendimento più efficace rispetto ai metodi tradizionali, facilitano una partecipazione più attiva da parte degli studenti e stimolano la loro capacità di ragionamento e analisi basata su dati ed evidenze e soprattutto permettono agli insegnanti di diventare veri agenti di cambiamento". (Segue)