Riceve messaggi molesti sulla chat dell'aereo. La compagnia Virgin Atlantic si scusa

HuffPost
I messaggi ricevuti da Jessica Van Meir

“55C, sei una ragazza molto carina”. “Benvenuta all’inferno”. Sono i messaggi che si è vista recapitare sulla chat dell’aereo Jessica Van Meir, una ragazza 24enne americana che sabato scorso, 5 ottobre, si trovava su un volo della Virgin Atlantic, partito da Londra e diretto a Washington. Una sosta in bagno e una volta tornata Jessica ha notato sulla sua chat una serie di messaggi provenienti da un gruppo di ragazzi che probabilmente l’aveva notata mentre camminava in corridoio. È stata la stessa ragazza a raccontare, il giorno dopo l’accaduto, lo spiacevole episodio su Twitter. 

I passeggeri, come si legge dai messaggi pubblicati, hanno importunato la giovane identificandosi con nickname di dubbio gusto e segnalando anche il posto che occupavano sull’aereo. “Lavoro per uno studio legale specializzato in molestie sessuali online. Sarete contenti di essere segnalati alla Virgin” ha risposto con coraggio la ragazza. Il passeggero 62G però ha continuato: “Attualmente sei in una zona di pericolo”. A quel punto Jessica ha allertato il personale di volo, che, come sottolinea anche lei nel post, ”è stato molto utile e ha risolto il problema rapidamente”. Gli assistenti hanno parlato con gli autori dei messaggi e Jessica ha potuto proseguire il viaggio tranquilla. 

La ragazza ha rivelato alla CNN che ad un certo punto durante il volo, un uomo, che si è identificato come l’allenatore di rugby del gruppo che l’aveva importunata, le si è avvicinato e si è scusato con lei per le loro azioni. “Si trattava di una trasferta di rugbisti e lui era uno dei leader. Ha detto che i compagni...

Continua a leggere su HuffPost