Riceve trapianto di cuore e decide di incontrare la madre del donatore

Si sentiva in colpa per essere vivo grazie al cuore di un altro giovane deceduto in un tragico incidente. FInché non ha incontrato la madre del donatore.

Bobby Doherty, oggi 26 anni, era nato con un difetto al cuore. Sin dalla nascita la sua vita era stata in pericolo: i dottori infatti avevano detto ai genitori che il bimbo non sarebbe sopravvissuto più di tre mesi. Invece ce la fece, fino a quando un paio di anni fa il giovane è peggiorato improvvisamente. Ecco di nuovo la condanna a morte sopra di lui, per la seconda volta. Ricoverato in ospedale, gli venne detto che se non si fosse provveduto con un trapianto di cuore gli sarebbero rimasti da vivere solo pochi mesi. Bobby ha passato ben cinque mesi in attesa, con il tempo che si consumava inesorabile: gli sarebbero rimaste da vivere solo poche settimane. Fino a quando è accaduto il miracolo: era stato trovato un cuore per il trapianto.

La storia di Rebecca e del trapianto che non ha funzionato

Il cuore del donatore apparteneva a Stephen Valsechi, un giovane più o meno della sua età morto per un tragico incidente. Il ragazzo era scivolato giù da un balcone morendo sul colpo. L'operazione funzionò egregiamente e Bobby adesso è anche diventato papà. Una seconda vita per lui, come accade in casi analoghi. La felicità del giovane è stata tale che la prima cosa che ha fatto è stata scrivere una lettera di commosso ringraziamento alla mamma di Stephen, che aveva concesso il trapianto degli organi del figlio morto. Fu così che i due cominciarono a scriversi regolarmente per circa un anno. Fino a quando…

Ecco i farmaci a base di cannabis

Fino a quando i due decidono di incontrarsi: "Volevo che lei vedesse quanto bene aveva fatto suo figlio" ha spiegato Bobby. Che ha spiegato anche che dentro di se si sentiva in colpa per essere vivo mentre il figlio di Margaret era morto. L'incontro però ha dissipato ogni senso di colpa, per entrambi è stata una grande gioia. Non succede spesso, perché i contatti tra donatori e riceventi inizialmente sono anonimi. Molto spesso i donatori ricevono una lettera di ringraziamento a cui preferiscono non rispondere. Ad esempio, la stessa Margaret non ha mai avuto notizie da parte delle persone che hanno ricevuto il fegato e i reni di suo figlio Stephen. Ma con Bobby è andata diversamente.

La storia di Matteo: perdere la vita per guadagnarne altre

Yahoo! Notizie - Lasciati ispirare da altre storie e lieto fine: buone notizie, curiosità e storie di bontà nel nostro speciale Good News, il tg delle buone notizie.

Good News | Puntata 28Good News | Puntata 28 - Il tg delle buone notizie solo su Yahoo!

Ricerca

Le notizie del giorno