Richetti (Pd): stiamo facendo i sostituti di Salvini

Pol/Bar

Roma, 2 set. (askanews) - "Credo che si sia fatto il contrario di quello che si era detto. Faccio fatica a concepire la modalità in cui il Pd, in una direzione assume il documento di Calenda che si dice: non si dialoga col M5S, e in quella successiva apre il tavolo". Lo ha detto il senatore del Pd Matteo Richetti, ai microfoni di Radio Cusano Campus.

"Zingaretti - ha osservato - aveva giustamente detto: non può essere il nostro premier lo stesso di cui Salvini ha fatto il vice. Di questo passo ci troveremo in un governo in cui Conte c'è, Di Maio c'è, Fraccaro c'è e noi facciamo i sostituti di Salvini".

"Se tu da un governo tiri via la delegazione della Lega e ci infili quella del Pd - ha aggiunto Richetti - stai sostituendo qualcuno. Conte che annuncia un nuovo umanesimo, noi che diciamo: hanno fatto porcherie che non vogliamo più vedere. Ma intanto rimangono i porti rimangono chiusi e le persone rimangono in mare. Ma la discontinuità facciamola subito. Se risultassero concrete le parole che si sprecano, ma si desse vita a un governo di altissimo profilo, ma quale Conte e quale Di Maio! Tutto il Pd aveva detto che si doveva cambiare la guida di un governo che abbiamo definito l'esperienza peggiore nella storia repubblicana. Quando Di Maio viene a fare il bulletto e mette i diktat, se noi avessimo rifiutato, questo che faceva andava al voto?"