Richiamo del vaccino in vacanza: via libera dal commissario Figliuolo

·2 minuto per la lettura
Vaccino Covid vacanza
Vaccino Covid vacanza

Dopo diversi tentennamenti, il commissario per l’emergenza Francesco Paolo Figliuolo ha dato il via libera per la somministrazione della seconda dose di vaccino Covid in vacanza: sarà comunque possibile effettuarlo solo in casi eccezionali.

Vaccino Covid in vacanza

La struttura commissariale ha accettato la proposta della Conferenza delle Regioni, che prevede infatti delle regole stringenti per vaccinarsi fuori dalla propria regione di residenza. Rispondendo ai governatori Figliuolo ha specificato che “laddove per eccezionali motivi dovesse rendersi necessaria la somministrazione della seconda dose a lavoratori e turisti che vi soggiornano per un periodo di permanenza congruo, qualora informati con adeguato preavviso, siamo disponibili al riequilibrio delle dosi da distribuire“.

Vaccino Covid in vacanza: come funziona

Al momento non sono ancora giunte indicazioni pratiche da parte delle Regioni, alcune delle quali si sono già organizzate con accordi bilaterali (come Piemonte e Liguria). Per mettere in pratica quanto proposto al generale servirà infatti del tempo e non è ancora noto in che modo sarà possibile effettuare una prenotazione fuori Regione. Secondo Figliuolo non ci dovrebbero essere problemi, poiché le attuali procedure, qualora correttamente implementate dalle Regioni, già consentono la regolare tenuta dei flussi informativi.

Sembra però difficile al momento che si possano utilizzare le piattaforme online costruite dalle singole regioni perché tutte diverse e al momento non comunicanti tra loro. Sarà più probabile che, trattandosi fondamentalmente di eccezioni alla regola, si passi per i call center dei servizi sanitari locali. Starà ai governatori organizzare un sistema operativo pratico e meno caotico possibile.

Vaccino Covid in vacanza: chi può farlo

Stando alla proposta dei governatori, dovrebbero poter effettuare il richiamo iin vacanza soltanto le persone che soggiornino nel luogo di villeggiatura per almeno due settimane. Non è chiaro però da quando e per quanto sarà possibile farlo, anche se si parla principalmente del mese di agosto.

Il Presidente ligure Giovanni Toti ha ribadito che la possibilità di vaccinare contro il covid in un’altra regione vale in casi eccezionali e per un congruo periodo di tempo “nell’indicazione di quella flessibilità che chiedevamo“. Ha poi confermato l’accordo bilaterale con il Piemonte, regione da cui provengono diversi turisti che trascorrono l’estate in Liguria. “Un segnale importante che permette di accelerare ulteriormente la campagna vaccinale“, ha commentato il collega piemontese Alberto Cirio.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli