Richiamo vaccino Johnson & Johnson, le cose da sapere: parla Franco Locatelli

·2 minuto per la lettura

Si parla spesso dei richiami dei vaccini anti-Covid a mRNA, ovvero quelli di Pfizer e Moderna. Ma qual è la situazione dei cittadini italiani che hanno ricevuto il siero monodose di Johnson & Johnson

Franco Locatelli, coordinatore del Cts, cerca di fare chiarezza. L'esperto ha spiegato che dopo l’Fda probabilmente anche l’Ema darà il via libera alla somministrazione della seconda dose per tutti quelli che hanno fatto la prima (e unica dose) con il vaccino J&J. Ecco le sue parole.

"Il vaccino J&J è uno dei vaccini vettore adenovirale, come quello di Astrazeneca, monodose. È di queste ore la notizia che è in corso un processo di revisione da parte di Fda e successivamente ci sarà certamente anche di Ema", ha spiegato Locatelli durante la trasmissione “Che Tempo Che Fa” su Rai3. Ed "è largamente possibile", ha aggiunto, che arrivi dagli enti regolatori l'indicazione "di somministrare una seconda dose".

GUARDA ANCHE - Green pass, quanti lavoratori non sono vaccinati?

Gli italiani immunizzati con Johnson e Johnson sono oltre un milione e mezzo: se dovesse arrivare il via libera, anche gli under 60 che hanno ricevuto questo farmaco dovranno fare una dose di rinforzo e, visto che ormai J&J non è più usato nel nostro Paese, verrà utilizzato per il richiamo Pfizer o Moderna.

Secondo Locatelli, per la seconda dose “un vaccino Rna messaggero (come Pfitzer o Moderna ndr) avrebbe anche il vantaggio di genere una risposta immunologica anche migliore".

Locatelli ha parlato anche della terza dose degli altri vaccini anti-Covid: “La terza dose è ora disponibile per gli over 60. È possibile che arriveremo più in là nel tempo a considerarla anche per i più giovani, però in questo momento le evidenze non ci sono".

GUARDA ANCHE - Covid e terza dose, tutte le risposte alle domande più frequenti

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli