Richiedente asilo iraniana potrebbe essere rimpatriata da Filippine -2-

Red/Mos

Roma, 7 nov. (askanews) - "Le autorità filippine hanno l'obbligo in base al diritto internazionale di astenersi dal rimandare chiunque in un paese in cui potrebbe essere a rischio di gravi violazioni dei diritti umani".

Zarebahari, che ha vissuto nelle Filippine negli ultimi cinque anni e ha rappresentato l'Iran al concorso di bellezza Miss Intercontinental del 2018 a Manila, è stata arrestata all'arrivo a nella capitale filippina proveniente da Dubai il 17 ottobre 2019, sulla base di un mandato di arresto dell'Interpol emesso dalle autorità iraniane. Non le è ancora stato detto quali accuse affronterebbe in Iran.

Da allora si trova in una stanza del Terminal 3 dell'aeroporto internazionale Ninoy Aquino di Manila. Secondo quanto appreso da Amnesty International, il mandato di arresto si riferisce a un reato che le autorità iraniane sostengono che abbia commesso in Iran nel 2018, ma Zarebahari afferma di non essersi recata in Iran dal 2014. Nei suoi post sui social media come Facebook e Instagram, ha affermato che le autorità iraniane vogliono punirla per la sua opposizione alla Repubblica islamica. (Segue)