Riciclo della carta, Italia simbolo di virtuosità: "Supera di 15 anni il target Ue"

·1 minuto per la lettura
Getty Images
Getty Images

Il tasso di riciclo degli imballaggi di carta e cartone in Italia ha superato nel 2020 il target europeo fissato all’85%, arrivando fino all'87,3%. Si tratta di un obiettivo che i Paesi avrebbero dovuto raggiungere nel 2035 e al quale l’Italia è arrivata con 15 anni di anticipo. Lo afferma l'Unione nazionale delle imprese di recupero e riciclo maceri (Unirima) nel Rapporto 2021.

Nel contesto globale che ha risentito della crisi pandemica, spiega Unirima, i 600 impianti di riciclo distribuiti in Italia hanno prodotto 6,8 milioni di tonnellate di carta da macero, aumentando del 3,2%, la produzione di materia prima rispetto all'anno precedente e rispondendo adeguatamente al fabbisogno del mercato.

GUARDA ANCHE: Riuso e riciclo, oggetti di scarto diventano opere d’arte

Come ha rilevato Unirima, le performance in termini ambientali ed economici delle imprese del recupero e riciclo della carta da macero hanno consentito che questo settore venisse ritenuto strategico per l'economia circolare, al punto che lo stesso ministero della Transizione Ecologica ha considerato le filiere di carta e cartone come prioritarie.

GUARDA ANCHE: Come risparmiare carta

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli