Riciclo, energia verde, sobrietà: ecco come Malmö sta gestendo la transizione ecologica

Riciclo, energia verde, sobrietà. Quali ricette adottare in tempi di crisi energetica e di emergenza climatica? Siamo andati a Malmö, in Svezia, città nota come modello di economia sostenibile, per cercare di trovare alcune risposte.

Olof e sua moglie Yuki sono entrambi designer industriali e insegnanti. Hanno un orto che coltivano in uno degli appezzamenti a Malmö: un modo per preservare l'ambiente, producendo parte del cibo che consumano con i loro due figli. "Stiamo cercando di produrre quanto più cibo possibile per la nostra famiglia - dice la coppia -. È un bene anche per i bambini. Vedono come le cose crescono naturalmente e in quale stagione".

"L'obiettivo del sistema alimentare globale è di essere in grado di fornire tutto, in qualsiasi momento, in qualsiasi parte del mondo - aggiunge Olof -. Ma quando i prezzi dell'energia salgono e c'è insicurezza, il sistema è molto instabile. Funziona finché si utilizzano molti combustibili fossili. Ma quando non ci sono, o non andrebbero usati perché il clima sta peggiorando, allora bisogna trovare altri modi per procurarsi il cibo.

I rifiuti organici forniscono il 70% del teleriscaldamento di Malmö

Nel loro appartamento in centro città Olof e Yuki cercano di avere uno stile di vita sostenibile. "Cerchiamo di acquistare prodotti senza imballaggio - dice Olof -. Ricicliamo carta, vetro, metallo e plastica. I rifiuti organici vengono utilizzati per produrre biocarburante, un combustibile prodottoche alimenta la maggior parte dei camion della nettezza urbana di Malmö".

Euronews
Olof e Yuki coltivano un orto in uno degli appezzamenti di Malmö - Euronews

"I rifiuti vengono portati in un stabilimento dove saranno riciclati in biocarburante - ci dice un netturbino -. Questo biocarburante sarà utilizzato per i camion. Quindi nulla va sprecato. È questo il bello. Mi dà molta più gioia fare questo lavoro. Nello stabilimento vengono trattati più di 600.000 tonnellate di rifiuti all'anno, provenienti dai 14 comuni della regione, ma importati anche da tutta Europa".

I rifiuti organici vengono trasformati in fanghi liquidi e convertiti in carburante da Sysav, un'azienda che gestisce un impianto di termovalorizzazione. Parte dei rifiuti organici vengono usati per alimentare la rete urbana: quasi il 70% del teleriscaldamento della città di Malmö viene alimentato così. Per quanto riguarda energia ed elettricità, Sysav produce circa 270.000 MWh di elettricità all'anno.

Ma è davvero ecologico? "Inceneriamo i rifiuti - dice un'educatrice ambientale di Sysav -. Naturalmente questo produce anidride carbonica, di origine biologica e fossile. Quindi stiamo cercando, ad esempio, di estrarre la plastica dai rifiuti combustibili. Stiamo anche lavorando alla cattura e allo stoccaggio del carbonio".

Di recente l'azienda ha presentato il primo impianto di smistamento automatizzato al mondo per tessuti usati, installato nei suoi locali lo scorso anno. Selezionati per colore e fibra grazie a sensori ottici, ogni anno circa 24.000 tonnellate di rifiuti tessili possono essere trattati e riciclati in modo più efficiente dall'industria.

Euronews
Malmö punta a convertire all'elettrico tutti i mezzi pubblici entro il 2030 - Euronews

Una tecnologia promettente su scala europea, dove ogni anno circa 4 milioni di tonnellate di rifiuti tessili vengono bruciati o gettati in discarica. Abitazioni intelligenti, energia rinnovabile, trasporti puliti: Malmö ha esplorato tutte le strade dell'economia sostenibile fin dalla crisi petrolifera degli anni '70.

Trasporti completamente elettrici entro il 2030

Una filosofia che ha plasmato la vita quotidiana dei suoi abitanti. La bicicletta è uno dei mezzi di trasporto più popolari a Malmö, che ha 560 km di piste ciclabili. La bicicletta rappresenta più di un quarto del traffico urbano in questa città di circa 340.000 abitanti. Il 65% degli autobus della città sono elettrici e il resto funziona a biocarburante. L'obiettivo è quello di usare solo l'elettricità entro il 2030.

La coscienza verde svedese è anche nel menù di un ristorante alla moda in un noto quartiere ecologico di Malmö. I piatti del giorno sono cucinati esclusivamente con alimenti invenduti da supermercati e produttori e destinati a essere buttati. Il fondatore del ristorante, un ex chef a due stelle Michelin, vuole combattere lo spreco di cibo.  Stando all'Onu un terzo del cibo prodotto per il consumo umano, più di un miliardo di tonnellate, viene buttato via ogni anno.

Negli ultimi trent'anni le politiche di Malmö hanno permesso di ridurre il consumo energetico del 40%. Ma la città non è immune dall'impatto della guerra in Ucraina sui prezzi dell'energia, che sono quadruplicati dall'inizio dell'anno.

"Ogni anno la Svezia produce un surplus di energia elettrica e lo esporta - dice Jonas Kamleh, stratega per la transizione climatica ed energetica del Comune di Malmö -.Attualmente non produciamo abbastanza per garantire il nostro consumo energetico e le nostre esportazioni in Europa. Questo perché la domanda dei mercati europei è molto alta. Di conseguenza i prezzi dell'energia continentale si riflettono anche nella Svezia meridionale".