Ricky Martin nei guai: rischia 50 anni di carcere

VIDEO - Chi è Ricky Martin?

Il nipote di Ricky Martin ha accusato il cantante portoricano di abusi nei suoi confronti. Dennis Yadiel Sanchez Martin avrebbe subito attacchi "fisici e psicologici" da parte del re del pop latino. Lo riporta il giornale spagnolo "Marca".

Qualora il crimine fosse dimostrato il cantante rischia fino a 50 anni di carcere perché, secondo le leggi di Porto Rico, si tratterebbe di un rapporto incestuoso.

Ricky Martin nei guai: rischia 50 anni di carcere REUTERS/Sarah Meyssonnier
Ricky Martin nei guai: rischia 50 anni di carcere REUTERS/Sarah Meyssonnier

In precedenza il cantante, 50 anni, aveva negato le accuse di abusi domestici dopo che, a Porto Rico, era stata presentata una denuncia a suo carico ai sensi della legge 54, nota anche come legge sulla prevenzione degli abusi domestici. I media hanno ipotizzato che l'accusatore, che aveva presentato la denuncia in forma anonimo, fosse in realtà proprio il nipote 21enne di Martin, figlio della sorella Vanessa.

LEGGI ANCHE: Ricky Martin accusato di violenza domestica e stalking

Secondo quanto riportato da "El Vocero", un quotidiano portoricano, Ricky Martin e il nipote si sarebbero frequentati segretamente per sette mesi. I due avrebbero troncato la relazione due mesi fa. ma il cantante non avrebbe accettato la separazione e sarebbe stato sorpreso in tre occasioni sotto la casa del nipote.

L'avvocato di Ricky Martin ha prontamente smentito queste affermazioni che ha definito "disgustose". Il legale del cantante, Marty Singer, ha strenuamente negato le accuse, affermando a Billboard: "Ricky Martin, ovviamente, non è mai stato coinvolto in alcun tipo di relazione sessuale o romantica con suo nipote". "L'idea non è solo falsa, è disgustosa. Ci auguriamo tutti che quest'uomo riceva l'aiuto di cui ha così urgente bisogno".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli