Ricorso commissari ex Ilva: “Non ci sono le condizioni per il recesso”

ricorso commissari ex ilva

I commissari straordinari sono pronti a dare battaglia sulla questione dell’ex Ilva presentando un ricorso secondo il quale ArcelorMittal deve mantenere la gestione dell’impianto di Taranto in quanto mancano le condizioni giuridiche per il recesso del contratto preliminare. Il documento verrà presentato martedì al tribunale di Milano dai legali dei commissari. Nello stesso giorno, sempre a Milano, la multinazionale dovrebbe depositare la richiesta ufficiale di recesso.

Ricorso commissari ex Ilva

I commissari straordinari stanno studiando da giorni il caso, insieme al governo, per trovare una soluzione alla crisi. Lo stesso ministro Gualtieri ha invitato l’esecutivo a “mettere tutti gli strumenti necessari per una prospettiva di sviluppo che sia di mercato“. Secondo il titolare del Mef, infatti, il governo può trovare una soluzione di rilancio dell’Ilva “secondo il piano industriale”. Per quanto riguarda la nazionalizzazione, Gualtieri non sembra essere molto d’accordo, definendola “una pericolosa illusione”: “L’idea che nelle crisi industriali c’è una soluzione magica con lo Stato che compra è un’illusione. Eviterei una discussione bianco e nero“.

Di Maio: “Italia si faccia rispettare”

Intervenuto sul tema da Bruxelles, anche il ministro Di Maio ha detto la sua: “Bisogna riportare ArcelorMittal al tavolo. Hanno firmato un contratto, che va rispettato. Lo Stato italiano si deve far rispettare” dice per poi lanciare la stoccata agli ex alleati di Governo: “La Lega che si dice sovranista dovrebbe combattere con noi le multinazionali e invece stanno dall’altra parte“.

Nel frattempo Italia Viva ha presentato alla Camera un doppio emendamento al decreto Fiscale con il quale punta a reintrodurre lo scudo penale per ArcelorMittal