Ricoverato per Cobiod-19: uomo tenta la fuga dall'ospedale

·2 minuto per la lettura
Croazia positvo al covid-19
Croazia positvo al covid-19

Quando durante la quarantena ci si ritrova rinchiusi in casa o peggio in una struttura ospedaliera, non è facile per nessuno rinunciare ad una situazione, seppur momentanea di libertà, anche se questo significa salvaguardare la salute pubblica. Possiamo dire che è stato così anche per un uomo Croato positivo al Covid-19, che intorno alle ore 16 di venerdì 31 luglio, ha tentato di fuggire dall’ospedale di Spalato, in Croazia dove era ricoverato.

Si tratta però di una fuga che non è andata a buon fine. L’uomo è stato ritrovato un’ora dopo e precisamente intorno alle 17.30, quando la polizia lo ha ritrovato nella zona di Bačvice. L’uomo è stato prontamente riportato all’ospedale dove era ricoverato su un’ambulanza. La vicenda non si conclude di certo qui perché la procura ha avviato un’indagine sull’accaduto e l’uomo dovrà rispondere davanti alla legge.

Croazia, positivo al Coronavirus scappa

In Croazia, già da tempo, a causa del grande numero di contagi presenti in Istria e nell’entroterra Croato, già a metà luglio sono state inasprite le misure per arginare il più possibile il contagio. Nelle strutture medico-sanitarie, nei locali pubblici come bar, ristoranti e negozi e sui mezzi di trasporto pubblici, vi è l’obbligo di indossare la mascherina. Anche per le riunioni con più di 100 persone ci sono degli stretti paletti. Infatti, è obbligatorio notificare la Protezione Civile. Infine per chi proviene da paesi extra europei e fuori dall’area Schengen, è obbligatorio autoisolarsi per 14 giorni. I giorni diminuiscono a 7 se si effettua a proprie spese un test nasale e faringeo purché risulti negativo al Covid-19.

In Croazia come ovunque, andare in vacanza risulta dunque rischioso. Questo nonostante già a fine maggio il Paese aveva aperto le porte agli Italiani, purché previa prenotazione.