I rider di Glovo in sciopero a Palermo, stop alle consegne. "E' solo l'inizio"

·2 minuto per la lettura

AGI - Furia rider. I corrieri di Glovo scioperano per una intera giornata e si astengono dalle consegne e da tutte le prestazioni lavorative a Palermo. E' solo l'inizio, avvertono. Tre presidi scattano in contemporanea in Piazza Castelnuovo, alla Stazione Notarbartolo e al Drive del Motel Agip davanti alle sedi di McDonald's.

La giornata di protesta fa seguito allo stato di agitazione proclamato la settimana scorsa per denunciare la perdita di guadagni di circa il 20 per cento (a partire da quando è stato sottoscritto l' accordo tra Ugl e Assodelivery), che ha comportato per i rider, a Palermo, compensi tra i più bassi d'Italia.

I lavoratori hanno denunciato anche difficoltà legate all'uso dell'applicazione, per il riconoscimento facciale, procedura da poco introdotta che comporta giornalmente l'identificazione con un selfie.

Spesso capita, per banali errori di sistema o per problemi legati all'aspetto diverso di un lavoratore rispetto alla foto del documento personale, che l'identità del corriere non venga riconosciuta. I rider vengono bloccati anche per due settimane. A seguito della protesta palermitana, anche in altre città italiane i corrieri di Glovo hanno indetto lo stato di agitazione.

"Lo sciopero è stato proclamato perché non sono arrivate risposte dall'azienda - dice il segretario generale Nidil Cgil Palermo Andrea Gattuso - Durante il fine settimana, i problemi denunciati sono proseguiti, a partire dall'abbassamento delle tariffe passando per tutte le problematiche dovuto all'attestazione dell'identità per il riconoscimento facciale. Per i lavoratori è impossibile avere un'assistenza tecnica, perché l'unico confronto con l'azienda che non ha una sede fisica è una bot chat".

L'obiettivo è "mandare un segnale chiaro – aggiunge Gattuso - affinché Glovo si occupi realmente delle problematiche quotidiane che i lavoratori affrontano lavorando per tante ore tra i pericoli della strada, il caldo torrido e i rischi legati alla pandemia. Non escludiamo che lo sciopero possa continuare e che la mobilitazioni prosegua fino a quando non verranno date risposte complessive". 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli