Ridurre la distanza tra giovani e lavoro, l'impegno di Fondazione Sodalitas

·3 minuto per la lettura
Smiling manager taking questions from her staff during a meeting together in the boardroom of a modern office (Photo: Giselleflissak via Getty Images)
Smiling manager taking questions from her staff during a meeting together in the boardroom of a modern office (Photo: Giselleflissak via Getty Images)

La percentuale di giovani disoccupati tra i 15 e i 24 anni in Italia è 27,7%. Lo dicono gli ultimi dati Istat, pubblicati due settimane fa, che fotografano un paese in cui la disoccupazione giovane è tra le peggiori d’Europa. In Germania per esempio, se si confronta il dato Istat con quelli rilasciati da Eurostat, la percentuale corrisponde a 7,5%. I paesi europei con il minor livello di disoccupazione giovanile e il minor numero di NEET (Not in education, employment or training) sono quelli dove sono più diffusi i sistemi di formazione in cui scuola e lavoro sono affiancati.

In Italia, tra le realtà impegnate in strategie volte a migliorare l’inclusione dei giovani nel mercato del lavoro, c’è la Fondazione Sodalitas, che attraverso le attività nell’ambito “Giovani – Lavoro”, realizza partnership tra scuola, università e impresa, per ridurre la distanza tra sistema educativo e mondo del lavoro. I progetti di cui la Fondazione è promotrice sono tre.

WE4YOUTH

Sviluppato con il supporto di JPMorgan Chase Foundation, WE4YOUTH ha lo scopo di potenziare la formazione di soft skills e attività di orientamento al lavoro, attraverso il consolidamento delle partnership tra mondo della scuola e mondo delle imprese.

Gli alunni delle scuole coinvolte hanno la possibilità di lavorare a project work nuovi con le imprese partecipanti al progetto, sviluppando soprattutto le competenze trasversali, le cosiddette soft skills, come teamwork, comunicazione, problem solving e creatività. Gli insegnanti e le aziende valuteranno in modo congiunto le attività da proporre, nella direzione di un allineamento di competenze, quelle da sviluppare e quelle richieste dal mondo del lavoro.

Ultimo obiettivo è realizzare percorsi di orientamento alla carriera per gli studenti, aiutandoli a creare il proprio curriculum e a prepararsi ai colloqui di lavoro.

DEPLOY YOUR TALENTS

Depoly your talents - Stepping up the STEM Agenda for Europe è la campagna europea per rilanciare gli studi delle discipline STEM (Science, Technology, Engineering & Mathematics) oltre gli stereotipi di genere e i divari tecnologici nelle diverse aree del paese.

Il progetto, nato da CSR Europe e sviluppato in Italia da Fondazione Sodalitas, è arrivato alla sua ottava edizione, con l’obiettivo, costruendo partnership tra scuole e imprese, di sensibilizzare i giovani sul valore della formazione nelle materie tecnico-scientifiche.

Le aziende partner di Fondazione Sodalitas che hanno deciso di partecipare al progetto sono tra le altre, Edison, Eni, FedEx, IBM, Intesa Sanpaolo, Mitsubishi Electric, Poste Italiane, Sanofi, Sky.

GIOVANI&IMPRESA

Giovani&Impresa è il programma che accompagna gli studenti degli istituti scolastici superiori e delle università nel passaggio dalla formazione al lavoro.

Dal 2000 ad oggi sono circa 100.000 gli studenti formati dalla Fondazione, attraverso 50.000 ore di formazione gratuita. Le attività si svolgono grazie all’impegno di oltre 280 volontari della Fondazione e delle organizzazioni del suo network, con anche le testimonianze di manager volontari della Fondazione e di manager aziendali.

Questo progetto comprende anche le iniziative ScopriTalenti, L’impresa adotta una scuola e Io Cittadino. Nella prima gli studenti hanno la possibilità di sostenere dei colloqui di lavoro con i professionisti dell’inserimento di nuove risorse, nella seconda le imprese incontrano gli studenti degli ultimi due anni di scuola secondaria superiore, la terza consiste nel percorso rivolto agli studenti per lo sviluppo della cittadinanza attiva e la creazione di un senso di appartenenza a una comunità locale, nazionale ed europea.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli