Rientro in ufficio per i dipendenti statali: addio smart working

·2 minuto per la lettura
ufficio
ufficio

Manca solo l’approvazione formale da parte del Presidente del Consiglio dei Ministri Mario Draghi, ed il nuovo Decreto sul ritorno in ufficio per i dipendenti statali potrà entrare in vigore.

Fine dello Smart Working per i dipendenti statali: si torna in ufficio. Come sarà gestito il rientro in ufficio

Dal 15 ottobre, data in cui il Green Pass sarà obbligatorio per accedere ai luoghi di lavoro, torneranno a lavorare in ufficio anche tutti i dipendenti pubblici, primi tra questi i dipendenti della pubblica amministrazione addetti al front office. Il modello scuola sarà quello da seguire anche in questo caso per ripartire in sicurezza. Mascherine e distanziamento di almeno 1 metro saranno comunque la regola. Dopo gli addetti al front office, spetterà anche ai lavoratori del back office e, a seguire, tutti i funzionari.

Fine dello Smart Working per i dipendenti statali: si torna in ufficio. Allentare le restrizioni, sarà possibile?

Tra le ipotesi proposte dal Presidente Draghi, vi è anche quella di allentare alcune restrizioni laddove vi sia il 100% di persone vaccinate, che sia una scuola o un ufficio. Ovviamente tale decisione deve essere valutata attentamente dal Comitato Tecnico Scientifico.

Fine dello Smart Working per i dipendenti statali: si torna in ufficio. Ipotesi lavoro agile

Un altro tema abbastanza caldo è quello del lavoro agile, che prevede un modello del lavoro misto, ossia metà in ufficio e metà in smartworking. In questo caso, per garantire l’operatività dei dipendenti da remoto si lavorerà per tre fasce: quella operativa in cui il dipendente deve necessariamente ed immediatamente essere reperibile ed operativo, quella di reperibilità in cui non sarà richiesta operatività immediata e quella di disconnessione in cui il dipendente non dovrà essere contattato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli