Rifiuti, indagato sindaco Agrigento. Bianco: solidarietà Anci

Rus

Roma, 10 set. (askanews) - "Al sindaco di Agrigento Calogero Firetto esprimo la mia personale solidarietà e quella di tutti i Comuni d'Italia. Questa è una vicenda cui si fa fatica a credere: i sindaci impegnati per migliorare il decoro della propria città dovrebbero essere aiutati e non ostacolati nel loro lavoro quotidiano". Lo afferma Enzo Bianco, presidente del consiglio nazionale di Anci, commentando l'avviso di conclusione delle indagini per l'ipotesi di reato di diffamazione a carico del sindaco agrigentino, e del comandante della Polizia locale, Gaetano Di Giovanni. A procedere contro il primo cittadino siciliano è stato un uomo non residente in città multato, sulla base delle immagini acquisite dalle telecamere di video-sorveglianza, per aver buttato la sua spazzatura non differenziata. Il filmato, con il volto e la targa dell'auto coperti, è stato diffuso sui social e alla stampa: da qui la denuncia per diffamazione.

"I comportamenti che il sindaco ha inteso sanzionare sono comportamenti gravi che purtroppo trovano molti precedenti in altre città d'Italia. Firetto è un amministratore attivo che si dà da fare per migliorare la situazione della sua città, come fanno tanti altri suoi colleghi in ogni angolo del Paese", sottolinea Bianco. "Lo invito a continuare senza deflettere nel suo impegno per la legalità ed il rispetto delle regole. Sono certo - conclude - che la Magistratura - lo dico senz'alcun intento polemico - saprà dedicare la stessa attenzione riservata a questa vicenda a tutti i comportamenti sanzionati dagli amministratori locali perché contrari alla legge".(Segue)