Rifiuti, Regione Sicilia: domani riapre la discarica di Gela

Red/Gtu

Roma, 17 lug. (askanews) - Riaprirà domani (giovedì 18 luglio) in Sicilia la discarica di contrada Timpazzo a Gela. E' il risultato dell'incontro convocato dal dirigente generale del dipartimento acqua e rifiuti Salvo Cocina e dal commissario straordinario del libero consorzio comunale di Caltanissetta Rosalba Panvini, su disposizione del presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci.

Attorno allo stesso tavolo, nella sede dell'ex provincia nissena, i rappresentanti dell'Arpa, della Società di gestione dei rifiuti Caltanissetta Sud, del genio civile, della discarica e i sindaci dei comuni di Gela, Niscemi, Mazzarino e Butera. Alla base della riapertura - con un'ordinanza del commissario Panvini firmata oggi pomeriggio - c'è la modifica del parere espresso dall'Arpa, che aveva condizionato l'operatività del sito allo spostamento al coperto dell'impianto mobile di Trattamento meccanico biologico. L'entrata in servizio, prevista tra poco più di due mesi, una volta completato l'iter autorizzatorio, dell'impianto fisso di Tmb ha convinto l'Agenzia regionale per la protezione dell'ambiente a rivedere la propria decisione, posticipando al 30 settembre le prescrizioni adottate in precedenza, consentendo, quindi, di fatto la ripresa delle attività.

Con la riapertura della discarica di Timpazzo - spiega la regione - verrà inoltre riorganizzato il sistema di conferimento dei rifiuti nell'ambito della provincia di Caltanissetta. A Gela, infatti, verranno autorizzati a scaricare tutti i Comuni del Nisseno, compreso il capoluogo, attuando, quindi, l'idea di fondo del governo Musumeci sul tema e cioè che il ciclo dei rifiuti si esaurisca nell'ambito di ogni provincia. Per i Comuni agrigentini di Porto Empedocle, Naro e Ravanusa, che utilizzavano questo sito fino alla chiusura del 15 luglio, il dipartimento regionale acqua e rifiuti individuerà una soluzione alternativa.