Rifiuti Roma, Raggi: nessun accordo con la regione Lazio

Bet

Roma, 27 nov. (askanews) - "Non c'era nessun accordo. Faranno discariche violando norme ambientali e norme a tutela dei cittadini. Roma non lo merita". Così il sindaco di Roma, Virginia Raggi, dopo l'annuncio dell'assessore regionale ai rifiuti, Massimiliano Valeriani, di un'ordinanza della Regione Lazio per scongiurare una nuova emergenza rifiuti a Roma. "Le trattative andranno avanti nell'ambito della tutela del territorio di Roma, siamo disponibili a fare impianti che non ledano l'ambiente e non mettano in pericolo la salute dei cittadini. Questo chiedo e se questo significa essere incoscienti rivendico un'incoscienza di tutela dell'ambiente e della salute dei cittadini". Raggi ha parlato con i cronisti mentre Valeriani in aula spiegava ai consiglieri la posizione della giunta regionale. Quanto al possibile commissariamento di Roma Capitale per l'attuazione delle misure previste nel l'ordinanza regionale (individuazione centri di trasferenza e aree idonee per una discarica e una gara per l'invio di rifiuti all'estero), Raggi ha detto: "Se di commissariamento si deve parlare c'è quello della Commissione UE alla Regione Lazio che è di nuovo quasi in procedura di infrazione. Continuare a imporre ai territori misure emergenziali che non rispettano i criteri ambientali e del rispetto della tutela della salute è da irresponsabili. Mi limito a dire che i cittadini di Roma hanno il diritto di avere impianti che tutelino il loro territorio e la loro salute. Per il resto siamo disponibili a tutto". Nessun accordo con la regione ieri - ha assicurato Raggi - ma una "imposizione" relativa alla possibilità di una discarica a Roma: "Chiedete a Valeriani quali erano le imposizioni se ha l'onesta' di dirlo".