Rifiuti a Roma, Raggi verso ordinanza per apertura discarica Albano

·1 minuto per la lettura

Rifiuti a Roma, la sindaca Virginia Raggi ha chiesto di predisporre un’ordinanza urgente per imporre la riapertura della discarica di Albano Laziale. A quanto si apprende, in qualità di sindaca della Città Metropolitana, Raggi utilizzerebbe poteri commissariali per consentire la riapertura della discarica in provincia di Roma, per il conferimento potenziale di 200 mila tonnellate di rifiuti.

Nelle ultime settimane, Raggi ha chiesto ripetutamente la riapertura delle discariche presenti nel Lazio e ancora capienti, in modo da offrire sbocchi per il conferimento dei rifiuti, che restano in strada proprio per la mancanza di siti dove smaltirli.

"L’inerzia della Regione Lazio ci costringe a questa decisione per evitare il peggioramento della crisi e conseguenze igienico-sanitarie per le persone. Su cinque discariche previste dalla Regione, soltanto due sono attive. E ad agosto chiuderà anche quella di Civitavecchia. Non hanno pensato ad una alternativa seria. Scaricano i problemi e la loro inefficienza sugli altri", ha detto la sindaca spiegando le motivazioni alla base della scelta.

"E’ qualcosa di inaccettabile. Se anziché andare avanti su un percorso istituzionale e di confronto per risolvere un tema delicato e complesso come quello dei rifiuti, si va a colpi di ordinanze, anche noi siamo pronti alle barricate e a rispondere con tutte le azioni legali necessarie’’. Lo dice all’Adnkronos il sindaco di Albano Laziale Massimiliano Borelli commentando l’ipotesi.

Al di là del fatto che ‘’ho saputo la notizia dalle agenzie stampa’’, ‘’vorrei capire – aggiunge Borelli – con quali poteri commissariali Raggi può fare un’ordinanza del genere. I poteri, a quanto mi risulta, li ha o il presidente della Regione o il Prefetto’’.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli