Rifiuti Roma, Valeriani a Raggi: alla Pisana discutiamo su temi

Bet

Roma, 27 nov. (askanews) - "Sorprende che si approfitti della discussione di un'Aula responsabile che in un anno ha fatto tre consigli straordinari per provare a distrarre l'attenzione dal cuore e contenuto del problema. E' legittimo per tutti assistere ai lavori, anche per il sindaco e i presidenti di municipio, stupisce che in quelle loro aule i consigli a tema non vengono proprio convocati. Eppure il problema sta proprio lì". Parole dell'assessore ai rifiuti della regione Lazio, Massimiliano Valeriani, intervenendo oggi alla Pisana dove si è svolta la seduta straordinaria del Consiglio regionale del Lazio dedicata all'emergenza rifiuti a Roma e nel Lazio. "La scena di stamattina rende in modo plastico quello che io già ho provato a dire la scorsa settimana: c'è un capovolgimento dell'ordine dei fattori. Il problema non sono gli impianti, ma i rifiuti. Gli impianti servono a trattare i rifiuti. Il problema di Roma sono 3000 tonnellate di rifiuti al giorno" ha detto Valeriani mentre nel cosiddetto Acquario della Pisana sedeva il sindaco di Roma, Virginia Raggi, insieme ad alcuni dei minisindaci dei Municipi. "A noi competono attribuzioni importantissime, la pianificazione, l'individuazione degli Ato, individuare i fabbisogni di smaltimento, cioè termovalorizzatori e discariche. Il resto è in capo alle amministrazioni comunali, e non è una novità. Il ciclo dei rifiuti è attribuito per legge ai Comuni. Non è una novità dell'amministrazione Zingaretti" ha ricordato Valeriani. "Ora abbiamo il problema del riequilibrio territoriale, ogni ambito deve essere autonomo, lo dicono tutte le norme e ora lo dice anche il Piano. Il problema di Roma non si può risolvere a Civitavecchia, nè a Latina, né a Viterbo. Si risolve a Roma. Il problema di Colleferro si conosce da più di un anno. E' stato riaperto per permettere a Roma di pianificare l'impiantistica, ma non è stato fatto".