Rifiuti speciali, Ispra: nel 2019 + 7,3%, molto bene il riciclo

·3 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 11 giu. (askanews) - Con 10,5 milioni di tonnellate in più prodotte nel 2019, in linea con la crescita del PIL, la produzione di rifiuti speciali in Italia sfiora la cifra di 154 milioni di tonnellate (+7,3%). I rifiuti non pericolosi rappresentano il 93,4% del totale e a loro è imputabile l'aumento di 10,4 milioni di tonnellate, mentre quelli pericolosi aumentano di 110mila tonnellate (+ 1,1%). Il 45,5% dei rifiuti speciali è costituito dai rifiuti provenienti dal settore delle costruzioni e demolizioni (oltre 70 milioni di tonnellate).

Sono alcuni dei numeri che emergono dal "Rapporto rifiuti speciali 2021", frutto dell'attività di raccolta, analisi ed elaborazione di dati da parte del Centro nazionale dei Rifiuti e dell'economia circolare dell'Ispra presentato oggi in un webinar online in collaborazione con RiciclaTV. All'evento hanno partecipato tra gli altri, Laura D'Aprile (direttore Dipartimento per la transizione ecologica e gli investimenti verdi del MITE), Cinzia Vezzosi (presidente EURIC), Maria Cristina Piovesana (vicepresidente per Ambiente, Sostenibilità e Cultura di Confindustria), Stefano Vignaroli (presidente Commissione parlamentare attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali).

A presentare i dati del Rapporto Valeria Frittelloni, responsabile del Centro nazionale dei rifiuti e dell'economia circolare dell'Ispra che ha evidenziato i buoni risultati del riciclo: si recupera materia dal 69 % dei rifiuti avviati a gestione, solo il 7,3% è smaltito in discarica. Il recupero è molto efficiente soprattutto su quelli da demolizione e costruzione, per i quali l'Italia con un 78,1% si attesta sopra l'obiettivo europeo di recupero (70% entro il 2020). Meno bene per i veicoli fuori uso: siamo al di sotto di quanto richiesto dall'Europa in termini di recupero totale del veicolo (84,2% a fronte di un target UE del 95%). La sfida per la nostra industria è diminuire la quantità di rifiuti speciali attraverso l'ottimizzazione dei cicli produttivi e la ecoprogettazione, applicando tecniche in grado di rendere i prodotti maggiormente riciclabili o facilmente smontabili.

A gestire e produrre la maggior parte dei rifiuti speciali in Italia sono le regioni del Nord dove il tessuto industriale è più sviluppato: 88,6 milioni di tonnellate (57,6% del dato complessivo nazionale) sono prodotti in quest'area del Paese e oltre la metà degli impianti di gestione operativi si trova al Nord. Soprattutto in Lombardia, dove sono localizzate 2.180 infrastrutture, il 20,1% del totale nazionale.

Il Rapporto Rifiuti Speciali dell'ISPRA, giunto alla 20a edizione, si conferma lo strumento principe a livello nazionale attraverso il quale avere un quadro di informazioni oggettivo, puntuale e sempre aggiornato sulla produzione e gestione dei rifiuti speciali non pericolosi e pericolosi. Il Rapporto, predisposto dal Centro Nazionale dei rifiuti e dell'economia circolare di Ispra, in collaborazione con il Sistema nazionale per la protezione dell'ambiente, esamina oltre 60 indicatori elaborati a livello nazionale, di macroarea geografica e regionale, nonché per attività economica e per tipologia di rifiuto.

I dati 2019 - sottolinea Ispra - consentono di avere una fotografia completa della situazione pre-pandemia e di poter utilizzare queste cifre nella programmazione da mettere in campo in vista della ripartenza che attende il Paese grazie al Pnrr. "Il Pnrr rappresenta un'ulteriore occasione per migliorare la nostra capacità di recupero dei materiali cercando di incrementare le prestazioni anche energetiche in campo edilizio - sottolinea il Direttore generale dell'ISPRA Alessandro Bratti - Occorre potenziare e migliorare l'impiantistica per raggiungere gli obiettivi europei e per proporci sempre di più come leader a livello europeo nell'economia circolare".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli