Rifiuti sulle strade, le foto-trappole hanno incastrato 7 mila romani

·1 minuto per la lettura

AGI - Nel 2020 sono stati settemila i cittadini romani ad essere multati dalla Polizia locale - per un totale di 1 milione di euro - per aver gettato rifiuti in strada. A metterli nei guai sono state le foto-trappole allestite dall'amministrazione capitolina per stroncare o almeno contenere il fenomeno incivile.

"Siamo davvero stufi degli zozzoni che gettano divani, sedie, materassi e altri rifiuti per le strade di Roma", scrive su Facebook il sindaco Virginia Raggi. Le foto-trappole sono macchine fotografiche molto potenti che riescono ad immortalare "i volti e le targhe degli incivili che sporcano la nostra città. Di giorno, ma anche di notte, grazie alla tecnologia ad infrarossi. Abbiamo deciso di posizionare questi strumenti nei punti della Capitale che, secondo le indagini del Nucleo Ambiente e Decoro della Polizia locale, sono più colpiti da reati ambientali. E stiamo lavorando per installarne altre. In tutta la città".