Rifiuti, Verdi: ancora roghi nella 'Terra dei fuochi'

Red/Nav

Roma, 7 set. (askanews) - "Non accenna a diminuire la percentuale di roghi tossici appiccati con il calare del sole nella terra dei fuochi. Nella notte fra venerdì e sabato, assieme ad un gruppo di volontari guidati da Pino Grazioli e al professor Luigi Esposito, abbiamo perlustrato alcune zone sensibili dell'Agro Aversano scoprendo ben tre focolai. Due sulla superstrada Nola-Villa Literno, all'altezza di Casal di Principe, un altro invece sul territorio di Gricignano d'Aversa. Grazie alle nostre tempestive segnalazioni, sono intervenuti i vigili del fuoco che hanno potuto sedare le fiamme ed evitare che i residenti della zona fossero costretti a dover inalare ancora per molto i fumi nocivi causati dai roghi. Purtroppo la situazione continua ad essere gravissima, e i criminali di queste terre non vedono affatto di buon occhio le nostre ronde, tanto da prenderci a sassate". Lo afferma Francesco Emilio Borrelli, consigliere regionale perla Campania dei Verdi.

"Mentre eravamo in attesa dell'intervento dei pompieri, alcune persone in auto ci hanno lanciato delle pietre colpendo e ferendo uno dei volontari. Non è la prima volta che ci aggrediscono, e non sarà l'ultima purtroppo. Non accettano - ha detto Borrelli - che qualcuno ficchi il naso ogni notte nei loro loschi affari, ma non ci fermeranno. La parte sana di questa terra, la parte pulita e stanca di questo scempio non abbasserà la testa davanti a questi cialtroni. Anzi. Le nostre ronde proseguiranno nei prossimi giorni. Setacceremo le aree più a rischio, staremo con il fiato sul collo a questi delinquenti, nella speranza di ridurre drasticamente il fenomeno. Ci auguriamo che la nostra azione possa essere da esempio per tanti cittadini volenterosi e che possa fungere da deterrente per i criminali".