Riforma dei processi, Bonafede: non so che bozza ha letto Salvini

Ska

Roma, 29 lug. (askanews) - Matteo Salvini ha detto di temere che la riforma dei processi proposta da Alfonso Bonafede (M5S) invece che accorciare i tempi dei processi li allunghi, ma per il ministro della Giustizia "chiaramente questo non è vero: non so - ha detto il Guardasigilli intervistato a Zapping (Radio Rai Uno) - quale versione abbia letto il ministro Salvini.

"Fino ad ora non ho nulla di cui preoccuparmi", ha spiegato Bonafede, "perché ho portato avanti la riforma confrontandomi sia con magistrati e avvocati che con le parti politiche, Movimento Cinque Stelle e Lega, ora siamo al punto della verità: si va al consiglio dei ministri e mi aspetto che una riforma così importante vada avanti perché bloccare la riforma vuol dire bloccare l'economia di questo paese. Quando fanno gli investimenti dall'estero guardano la durata del processo in Italia e si domandano: se devo recuperare un credito o rivendicare iun diritto quanto ci metto in italia? L'Italia è fanalino di coda e bisogna risolvere il problema".

La legge permetterà di diminuire i tempi dei processi, sia civili che penali, "oltre il dimezzamento", secondo il Guardasigilli: "Sono disponibilissimo, come semrpe, al confronto con gli altri ministri per andare avanti e chiarire le loro perplessità, però deve essere chiaro a tutti che dobbiamo andare avanti".