Riforma sanità lombarda, M5s: fin qui nessuna condivisione

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 22 dic. (askanews) - "Il Movimento 5 stelle ha ben chiaro che Regione Lombardia sulla Riforma sanitaria ha dormito sonni pesanti, eppure, il presidente Fontana, ora messo alle strette dal Ministro Speranza, inizia a parlare di condivisione, proprio lui che con le forze di opposizione non ha mai voluto un confronto". Così Marco Fumagalli, consigliere regionale del M5S Lombardia.

"Quando in aprile chiesi l'istituzione di una commissione speciale per la riforma della legge 23 del 2015, essendo in scadenza la relativa sperimentazione, il consiglio regionale respinse la proposta. Perché ora dovremmo concedere più tempo a questa Giunta?", prosegue l'esponente pentastellato, secondo cui "il fallimento della sanità in Lombardia è stato la causa del non saper affrontare la pandemia e del non volere farlo insieme alle opposizioni. E' solo tempo di dare risposte alla gente, il termine per adempiere, dato dal Ministero, deve essere considerato perentorio, c'è depositata, inoltre, una mia proposta di legge che ricalca il contenuto dettagliato dei rilievi ministeriali".

"Fontana - conclude Fumagalli - vuole più tempo perché spera in un Governo di larghe intese in modo da favorire ancora la privatizzazione del servizio sanitario? Come Movimento 5 Stelle scriveremo, al Ministro Speranza per spiegare in modo compiuto quanto avviene in questa Regione, che avrebbe solo bisogno di lavorare con trasparenza e discontinuità nell'interesse dei lombardi. Basta con le decisioni prese da chi fino ad oggi non ha saputo gestire la sanità in Lombardia",