Riforme, Brescia (M5s): giovani protagonisti in politica

Pol-Afe

Roma, 15 gen. (askanews) - "Un altro passo in avanti per la mia proposta di legge al Senato. Finalmente niente più discriminazioni anagrafiche irragionevoli per votare ed essere eletti in Parlamento! Più di 4 milioni di under 25 potranno votare per il Senato e non bisognerà aspettare i 40 anni per diventare senatore. I giovani diventano protagonisti se possono candidarsi alle elezioni, non solo se possono votare. Qualcuno, dopo aver rinviato l'entrata in vigore del taglio dei parlamentari, dirà no anche a questa storica operazione democratica a favore della partecipazione dei giovani, coerente con il dna del MoVimento 5 Stelle?". Così Giuseppe Brescia (M5s), presidente della commissione Affari Costituzionali della Camera e primo firmatario della proposta di legge costituzionale approvata a fine luglio a Montecitorio e oggi emendata in commissione.

"Già quest'estate eravamo d'accordo per abbassare da 40 a 25 anni il requisito dell'elettorato passivo, ma era giusto e istituzionalmente corretto lasciare ai senatori la decisione. Ora spero in un rapido esame di questa riforma in aula", aggiunge Brescia.