Riforme: Quagliariello, 'sfiducia costruttiva e legge elettorale uniche possibili'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 26 mar. (Adnkronos) – A due anni dal termine della legislatura la scelta è tra "fare una riforma chirurgica oppure non fare una riforma". Lo ha affermato il senatore Gaetano Quagliariello, intervenendo al dibattito organizzato dalla Fondazione Magna Carta su sfiducia costruttiva e legge elettorale.

Un'ipotesi, ha aggiunto, che "porterebbe dei grandi cambiamenti costituzionali". Perciò "rinunciare a mettere mano alle istituzioni sarebbe un errore", anche perchè con questa maggioranza di governo "non ci si può dividere sulle riforme, i cittadini non capirebbero". Inoltre, se è vero che con la sfiducia costruttiva "si forza il rapporto tra le due Camere, questa potrebbe essere l'innesco della riforma del bicameralismo".

Per Quagliariello, infine, "la sfiducia costruttiva non implica ma consiglia fortemente una legge elettorale a base proporzionale che rafforzi il partito piuttosto che la coalizione".