Rilevati inquietanti suoni su Marte, la NASA pubblica i file audio

Strani suoni su Marte, la NASA diffonde gli audio

Nel novembre scorso Insight è atterrato su Marte al fine di analizzare la composizione interna del cosiddetto Pianeta rosso: di recente, però, il lander ha captato suoni misteriosi e inquietanti provenienti da fortissime raffiche di vento e da due terremoti. Questo è quanto hanno annunciato dalla NASA che ha diffuso anche i file audio.

Leggi qua: >> Riprende per puro caso lo schianto di un meteorite su Giove, le immagini da brividi

All’interno di Insight è stato installato un potentissimo sismometro (Sismic Experiment for Interior Structure), capace di rilevare vibrazioni sul suolo di Marte con lo scopo di ascoltare i cosiddetti Marsquakes – cioè i terremoti marziani – tuttavia la sua sensibilità è talmente elevata da registrare vibrazioni riconducibili anche a brezze di vento. SENTI IL SUONO DI MARTE DURANTE I TERREMOTI, ECCO I FILE AUDIO

Registrati 2 terremoti e i relativi suoni su Marte, ecco il parere degli esperti

Ad oggi sono stati un centinaio gli eventi registrati dal sismometro di Insight, ma soltanto una ventina sarebbero veri e propri terremoti su Marte: la NASA ha deciso di pubblicare i file audio dei due più rappresentativi, avvenuti il 22 maggio scorso (con magnitudo 3,7) e il 25 luglio (con magnitudo 3,3).

Leggi qua: >> Cos'è quello strano gel sulla Luna? I cinesi mettono a segno un colpaccio

L’orecchio speciale di Insight ha rivelato suoni profondi, inquietanti, misteriosi provenienti dal cuore del Pianeta rosso, ma per renderli udibili ad occhio umano, sono stati elaborati e accelerati di circa 10 volte. Stando alle prime considerazioni effettuate dagli esperti, la crosta di Marte sarebbe simile a quella della Terra e della Luna insieme:

“Le fratture della crosta terrestre si chiudono con il tempo mentre l’acqua le riempie di nuovi minerali. Ciò consente alle onde sonore di propagarsi ininterrottamente mentre attraversano vecchie fratture. Nella crosta asciutta della Luna, invece, le fratture rimangono e così le onde sonore si disperdono per decine di minuti anziché consentire loro di viaggiare in linea retta. Marte, con la sua superficie ricca di crateri, è leggermente più simile alla Luna, con onde sismiche che si possono ascoltare per circa un minuto”.

Leggi anche: >> Scoperto il portale segreto delle comete, ecco come penetrano nel nostro Sistema Solare La NASA ha deliziato gli appassionati di astrologia diffondendo anche l’audio di alcune fortissime raffiche di vento avvenute lo scorso 6 marzo: eccole. https://www.youtube.com/watch?v=m9cCuW9nIQg