A Rimini 1.500 cuochi si sfidano nei Campionati cucina italiana

Red

Milano, 14 feb. (askanews) - Oltre 1.500 cuochi provenienti dall'Italia e dall'estero, quattro giorni di gare, quattro cucine allestite per le competizioni a squadre, sei laboratori per le gare dei singoli, 45 giudici oltre a giornalisti del settore. Sono i numeri della quinta edizione dei Campionati della Cucina Italiana, la competizione italiana per tutte le categorie culinarie, organizzata dalla Federazione italiana cuochi che prenderà il via sabato 15 febbraio fino al 18 alla Fiera di Rimini nell'ambito Beer&Food Attraction.

Le gare laureeranno i migliori cuochi italiani per categoria, valorizzando i prodotti nazionali e i metodi di lavoro basati su qualità, tecnica, rispetto del territorio e attenzione al cibo e allo spreco alimentare. Novità di questa edizione sarà il contest "Street Food", che vedrà i cuochi sfidarsi in una categoria di gara avvincente e permetterà al pubblico di conoscere la grande varietà dei cibi di strada e la cultura gastronomica dell'intera penisola.

"Tengo sempre a sottolineare - spiega Rocco Pozzulo, presidente Federcuochi - che occasioni come i Campionati della Cucina italiana, il Bocuse d'Or, le Olimpiadi della Cucina (che quest'anno si disputeranno dal 14 al 19 febbraio a Stoccarda e dove sarà presente la nostra Nazionale), sono importanti per tutti i cuochi perché sono un vero e proprio banco di prova, un'occasione di formazione e di aggiornamento professionale. Non è facile partecipare, e vincere lo è ancora meno, ci sono rigide regole da seguire perché il nostro lavoro è fatto di rigore e disciplina".

Come di consueto durante il primo giorno di gare si svolgerà anche il contest dei "ragazzi speciali" che vedrà alternarsi sul palco team composti da un ragazzo con programmazione scolastica differenziata e un compagno tutor, che potranno cimentarsi nella preparazione di uno starter ispirato alla cucina mediterranea o di un antipasto all'italiana. Nello stesso giorno ci sarà anche il concorso per il miglior allievo degli istituti alberghieri, che porterà ai campionati i migliori alunni degli istituti professionali alberghieri che si sono aggiudicati la vittoria alle gare regionali.