Rimini, uccide la moglie con coltellata alla gola poi si costituisce

·1 minuto per la lettura

(Adnkronos) - Si chiariscono i contorni del femminicidio avvenuto intorno alle 22 di ieri sera a Rimini. Un uomo, poi arrestato dalla polizia, ha ucciso la moglie, accoltellandola alla gola, al culmine di una violenta lite e si è poi presentato in questura, visibilmente scosso e con i vestiti ancora intrisi di sangue, autoaccusandosi del delitto appena commesso e indicando agli agenti dove avrebbero trovato il corpo. Arrivati nell'appartamento residenziale alla prima periferia di Rimini nord indicato dall'uomo, gli equipaggi della Squadra Volanti hanno trovato sul posto una pattuglia dei Carabinieri, allertati dalla segnalazione al 112 della figlia della coppia.

La prima ricostruzione dei fatti da parte della Squadra mobile ha indotto gli investigatori ad ipotizzare che intorno alle ore 21.00, all’interno dell’appartamento, ci sia stato un violento litigio durante il quale l’uomo, per motivi in corso di accertamento, ha sferrato diversi colpi al collo della moglie con un coltello a serramanico. Ipotesi confermata dall'omicida, interrogato dal Sostituto Procuratore titolare dell’indagine. Per l'uomo è scattato l'arresto in flagranza per omicidio aggravato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli