Rinviato l'International Film Festival a causa del Covid

Covid a Shanghai
Covid a Shanghai

L’International Film Festival è stato rinviato nel 2023. La decisione è stata presa da Shanghai, che teme ancora il Covid.

Il Covid a Shanghai fa ancora paura: rinviato l’International Film Festival

La Cina continua a seguire la sua strategia Covid zero, ma il timore per il virus è ancora molto forte. A Shanghai è stato deciso di rinviare al 2023 la venticinquesima edizione dell’International Film Festival, che doveva tenersi questo mese. Il motivo è dovuto all’ondata di contagi da Covid che ha colpito la città nelle ultime settimane. La decisione è stata annunciata dal comitato organizzatore in una nota diffusa dai media. “Se le condizioni lo permetteranno, pianificheremo e organizzeremo festival cinematografici rilevanti ed eventi a tema nella seconda metà di quest’anno per condividere la piacevole esperienza offerta dall’arte cinematografica e dalle attività cinematografiche” hanno scritto gli organizzatori.

Covid a Shanghai: ancora 2 milioni di persone in lockdown

Shanghai ha subito due mesi di lockdown per l’ondata di contagi avvenuta a marzo, con gravi ricadute sociali ed economiche. Le autorità hanno permesso un ritorno alla normalità, mantenendo ancora qualche restrizione, solo a partire dal 1 giugno. Nonostante questo molti quartieri sono ancora in lockdown. Quasi due milioni di abitanti su 26 milioni sono ancora bloccati a casa nei quartieri che sono stati ritenuti ad “alto rischio”. Le cose sono peggiorate negli ultimi giorni, quando sono stati rilevati sette nuovi casi di Covid nei distretti di Jing’an e Pudong e quattro nei quartieri a “medio rischio”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli