Rinvio voto su Salvini, Casellati convoca Giunta Regolamento

Luc

Roma, 16 gen. (askanews) - La presidente del Senato, Elisabetta Casellati, ha convocato per questo pomeriggio alle 16 la Giunta per il Regolamento per decidere sul rinvio, chiesto dalla maggioranza, del voto, in Giunta per le immunità, sulla richiesta di autorizzazione a procedere nei confronti di Matteo Salvini per il caso della nave Gregoretti.

Il voto sull'ex ministro dell'Interno è stato fissato per lunedì 20 gennaio, nella settimana in cui il resto dell'attività del Senato si ferma per la campagna elettorale delle regionali in Emilia Romagna e Calabria. Secondo la maggioranza la sospensione dei lavori deve valere anche per la Giunta delle Immunità mentre l'opposizione obietta che la Giunta è un organo di natura diversa da aula e commissioni e dunque può riunirsi. Non essendo stato raggiunto un accordo su questo punto ieri in conferenza dei capigruppo, la presidente dei senatori Fi, Anna Maria Bernini, ha proposto che a dirimere la questione - ovvero quale sia la natura dell'organo della Giunta delle immunità, se autonoma e differente rispetto alle Commissioni - debba decidere la Giunta per il Regolamento. Una proposta appoggiata da Lega e Fdi e accolta da Casellati.

In Giunta per il Regolamento, tuttavia, la maggioranza non ha i numeri: su 10 componenti - 11 con la presidente Casellati - sei sono di opposizione (3 Lega, 2 Fi e un Fdi) e 4 della maggioranza (2 Pd e 2 M5s). Uno dei leghisti, peraltro, è Ugo Grassi, passato a dicembre dal M5s al Carroccio. Oltre a non esserci alcuna rappresentanza di Italia Viva, Misto e Per le Autonomie. La questione è stata subito sollevata in aula sia dal capogruppo renziano Davide Faraone che da Loredana De Petris (Leu-Misto): "Non si era mai verificato, nelle legislature precedenti, che i Gruppi esclusi dalla Giunta, composta da 10 senatori, non venissero poi integrati. Il Presidente però non ha mai voluto prendere questa decisione. Sono abituata ad essere in minoranza e quindi sono molto attenta a ciò che significa rispettare le garanzie delle minoranze. La Giunta per il Regolamento deve intervenire nell'interpretazione del Regolamento e per questo, a maggior ragione, deve avere la rappresentanza più ampia dei Gruppi. Questo però non si è verificato e oggi siamo arrivati al punto che non soltanto la maggioranza è in minoranza nella Giunta per il Regolamento, dopo i cambi che si sono verificati, ma vi sono tre Gruppi esclusi da tale Giunta. Adesso fate i garantisti e chiedete di convocare la Giunta per il Regolamento? Il giochino è semplice, perché avete i numeri e non avete alcuna intenzione - non lo avete voluto fare quando eravate in maggioranza e non lo fate ora che siete all'opposizione - di sanare un vulnus nelle garanzie. Quindi, signor Presidente, va benissimo convocare la Giunta per il Regolamento, ma bisogna tornare alla legalità. La Giunta per il Regolamento deve essere integrata".