Riparte progetto per restauro carcere borbonico di Ventotene

(Segue)

Roma, 3 giu. (askanews) - Il 4 giugno prossimo alle 10 si riunisce, in via telematica, il Tavolo Istituzionale Permanente del Contratto Istituzionale di Sviluppo S. Stefano -Ventotene, presieduto dal Commissario straordinario del governo Silvia Costa, nominata con DPR del 28.01.2020, con il compito di assicurare il necessario coordinamento, anche operativo, tra le Amministrazioni statali istituzionalmente coinvolte e dare un significativo impulso agli interventi di restauro e valorizzazione dell'ex carcere borbonico dell'isola di Santo Stefano-Ventotene, dove sono stati imprigionati nelle diverse fasi della storia anche dissidenti politici.

L'isola di S. Stefano, ricadente nel Comune di Ventotene, ospita l'ex Carcere che nel 1987 viene dichiarato "Bene di particolare interesse storico artistico" dal Ministero dei Beni Culturali eAmbientali e nel 2008 l'isola diventa "Monumento nazionale" con un Decreto del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Un progetto di elevato valore simbolico, storico, culturale che fu lanciato nel 2016 con un grande evento dal Governo Renzi insieme al Ministro Dario Franceschini con il Presidente francese, Francois Hollande e la Cancelliera tedesca Angela Merkel e per il quale sono stati stanziati 70 milioni di euro. Risorse assegnate al Ministero per i Beni e le Attività Culturali, nell'ambito del "Piano cultura e turismo" finanziato con i Fondi per lo Sviluppo e la Coesione (FSC).