Rischiavano di essere i soli della classe a non poter partecipare all’alternanza scuola-lavoro

Stage rifiutato a studenti nordafricani
Stage rifiutato a studenti nordafricani

Arriva da Sacile, in Friuli, la sconcertante vicenda di un’azienda che vieta lo stage a due ragazzi di colore: “Da noi non li vogliamo”. Il Messaggero Veneto, che ha lanciato il caso, spiega che quei due studenti marocchini rischiavano di essere i soli della classe a non poter partecipare all’alternanza scuola-lavoro. E non solo una ma più aziende avrebbero negato la formula per i due studenti di un istituto superiore vicino Sacile.

Stage vietato a due ragazzi di colore

Ecco perché una loro docente ha deciso di rivolgersi ad un’associazione che assiste gli immigrati di Pordenone. Il  presidente dell’Associazione ivoriani   Adolph Hackah per esempio ha detto: “Erano stati rifiutati da più di un’azienda. Ammesso il resto della classe e soltanto loro tagliati fuori”. E in particolare una di queste aziende avrebbe spiegato alla scuola di non voler prendere ragazzi di colore, neanche per un periodo di stage.

Interrogazione in Consiglio regionale

Ha proseguito Hackah: “La docente non se l’aspettava e ci è rimasta veramente male. Come tutti noi, del resto, per fortuna, nel frattempo si è risolto tutto e ora potranno partecipare anche loro allo stage in azienda”. Sul caso è stata annunciata anche una interrogazione in consiglio regionale da parte del consigliere Furio Honsell, di Open Sinistra Fvg: “La notizia che due studenti di origine africana che, diversamente da tutti i loro compagni, non trovano l’opportunità di stage presso le aziende contattate dalla scuola nell’ambito dei programmi di alternanza scuola-lavoro è gravissima”. E in chiosa: “Se confermato nella sua violenza, sarebbe un gesto di razzismo inaccettabile per una regione che si dichiara civile come il Friuli Venezia Giulia”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli