Rischio contaminazione: richiamati lotti di uova e formaggi

chicken eggs in cardboard trays close-up


È allarme contaminazione alimentare per alcune confezioni di uova e per diversi lotti del formaggio Puzzone di Moena. A lanciare l'allerta è stato il ministero della Salute che ha disposto, a scopo cautelativo, il ritiro dei prodotti dal mercato.

Nel caso delle uova si teme una contaminazione microbiologica, mentre per il formaggio si tratterebbe di contaminazione da batteri appartenenti alla Listeria Monocytogenes, causa della listeriosi, una malattia che colpisce uomo e animali.



Le uova

Sul sito del Dicastero sono stati annunciati i nomi dei prodotti ritirati dal mercato. Si tratta di uova prodotte dall'azienda agricola "Oliviero Claudio" nello stabilimento di via Rigrasso a Monasterolo di Savigliano, in provincia di Cuneo, ma rivendute con marchi come Amadori, Verso Natura Conad e Cascina Italia e identificate dal lotto 5528139926 con una data di scadenza fissata all'8 febbraio 2020.

Le uova in questione sono distribuite nei seguenti formati:

  • Amadori: confezione da 4 uova da agricoltura biologica, vario calibro

  • Verso Natura Conad: confezioni da 2 e 6 uova biologiche

  • Cascina Italia: confezioni da 4.

Queste uova, avverte il ministero, non devono essere consumate per alcun motivo. Possono essere riportate presso il punto vendita dove sono state acquistate per ottenere il rimborso.



Il formaggio

È sempre il ministero della Salute a informare che il ritiro di diversi lotti del formaggio Puzzone di Moena riguarda i marchi Trentin Spa e Regione che vai (quest'ultimo nei punti vendita Aldi), e in particolare i lotti 21324, 21324A e 21324N. Anche in questo caso bisogna evitare assolutamente il consumo e riportare i prodotti in negozio.

Per ulteriori informazioni è possibile contattare l’azienda via e-mail commerciale@trentingroup.it oppure al numero 0441-2398111 dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle 18.00.


GUARDA IL VIDEO: L’Europa alza i muri contro la peste suina