Ristoranti, a Gaeta apre Dolia con consulenza di Francesco Apreda

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 3 giu. (askanews) - Apre a Gaeta Dolia, con la consulenza dello chef stellato Francesco Apreda (ristorante Idylio del The Iconic Pantheon Hotel di Roma). Lo chef di Dolia è Michele Emilio Corrado, mentre in sala c'è il maitre Paolo Terranova. Apreda si è formato nell'Alberghiero di Formia: anche per questo "quando è partito il progetto Dolia - racconta - ho pensato che non solo rappresentava in qualche modo la chiusura ideale di un cerchio ma che questa esperienza volevo coinvolgere dei grandi professionisti che, come me, vedessero in questo meraviglioso tratto di costa la loro vera casa e l'origine del loro percorso".

Michele Emilio Corrado è giovanissimo, ma con una esperienza internazionale tra Londra, Barcellona e Tokyo, i primi passi li muove qui, tra Formia e Gaeta. Stesso discorso per Paolo Terranova, maître che ha operato alla corte di chef del calibro di Alain Ducasse e Gordon Ramsey, ma sempre partendo da questo territorio incantato. I proprietari sono Elena Di Palma, Benedetto Leone e Rocco Toti, già impegnati nel settore con la cantina Fra i Monti e il Santo Bevitore di Cassino.

Nella carta dei vini i principali terroir della Francia, Champagne in testa, ma anche gli italiani con un occhio di riguardo per il Lazio. In carta ovviamente il mare, con il pescato del golfo, ma anche i prodotti di terra della zona come le olive di Gaeta, il Pomodoro Spagnoletta di Gaeta, la Lattuga Signorinella di Formia, il Sedano Bianco di Sperlonga, lo zafferano di Gaeta, i Kiwi di Latina. Ai dessert Mariko Sato, moglie di Michele Emilio, laureata in scultura presso l'Università di Tokyo.